Juventus » esclusive » Lazio, Lotito: ”La Juve su Hernanes e Lulic? Mi faccia una proposta…”

Lazio, Lotito: ”La Juve su Hernanes e Lulic? Mi faccia una proposta…”

Claudio Lotito

 

LOTITO LAZIO JUVENTUS – Il Presidente della Lazio Claudio Lotito ha concesso stamane un’intervista al quotidiano ‘Tuttosport’ per parlare dell’imminente sfida con la Juventus di domani e per parlare anche di mercato. Si comincia proprio da questo: ”I bianconeri vogliono Lulic ed Hernanes? Non sono in vendita però il mio modo di lavorare lo conoscete: io non ho mai messo nessun giocatore in vendita, ma se poi arriva una proposta indecente posso pure pensarci… Ma siamo a novembre e se non sbaglio il mercato riprende a gennaio”. Poi Lotito si proietta verso il match dello Juventus Stadium: ”Dell’effetto derby non temo l’euforia, bensì i riverberi della partita. Lulic e Mauri, senza nulla togliere a chi li sostituirà, sono perdite importanti. Petkovic dovrà riassettare la squadra. Andiamo a Torino con la consapevolezza di affrontare una squadra importante, ma allo stesso tempo siamo convinti di potercela giocare alla pari e di poter mettere in campo tutte le nostre potenzialità. Un anno fa fummo penalizzati noi dagli eventi imponderabili, speriamo che stavolta succeda il contrario”. Juve che giocherà senza Pirlo, ma Lotito è preoccupato per altro: ”La Juve è forte indipendentemente da Pirlo… Non so se peserà più l’assenza di Mauri o di Pirlo. Parliamo di due squadre che si fondano sul collettivo e grazie al collettivo valorizzano i singoli”. Il Patron dei biancocelesti non si scompone neanche quando si parla dell’imminente sfida in Champions della Juve contro il Chelsea: ”Assolutamente no, i bianconeri non saranno distratti. E comunque loro in Europa avranno il Chelsea, ma noi affrontiamo il Tottenham…”. Due parole su Pavel Nedved, doppio ex della partita: ”Nedved da giocatore è passato dalla Lazio alla Juventus e inseguito è diventato pure dirigente dei bianconeri. Senza nulla togliere a Pavel, grande atleta e uomo, se dovessimo preservare tutti i calciatori dovremmo mettere su una colonia”.

Marco Orrù