Juventus » diretta live » Pagelle » Juventus-Torino, le pagelle del match

Juventus-Torino, le pagelle del match

Mirko Vucinic

 

Ecco le pagelle di Juventus-Torino:

BUFFON s.v.: Spettatore non pagante. I guanti rimangono puliti, pronti per Donetsk. L’unico brivido glielo procura Meggiorini sullo 0-0, ma il suo tiro è fuori di poco.

LICHTSTEINER 6: In ripresa rispetto alle ultime uscite. Un pò terzino destro, un pò terzo centrale di difesa, gioca una buona partita e si candida per giocare anche a Donetsk.

BARZAGLI 6: Il Toro gli crea pochissimi problemi, ma lui è come al solito un baluardo. Rischia un espulsione per doppia ammonizione per un tocco di mano che interrompe un’azione del Torino. Ma siccome anche Basha viene graziato nel primo tempo, va bene così…

BONUCCI 6,5: Sembra dover abbandonare la contesa a metà primo tempo per un piccolo infortunio che però assorbe in fretta e guida come al solito la difesa, provando anche ad impostare quando Pirlo è marcato, soprattutto in 11 contro 11.

DE CEGLIE 6: Sicuramente meglio delle ultime partite che aveva giocato. Ha di fronte Cerci che può essere pericoloso, ma lui è attento e non si fa saltare. Poi esce per dare spazio ad Asamoah. Ritrovato.

(dal 15′ st ASAMOAH) 6: Entra lui e la Juve dilaga, pur senza fare sfracelli dà il suo contributo. Si è scaldato in vista di Donetsk.

POGBA 7: Finchè siamo sullo 0-0 è l’attaccante più pericoloso della Juventus. Le sue doti di inserimento sono sempre più marcate. Peccato però che non trovi la via della rete anche quando la partita si sblocca. Comunque positivo, potrebbe giocare titolare anche a Donetsk dove non ci sarà Marchisio squalificato.

PIRLO 5,5: Prova insufficiente. E non solo per il rigore sbagliato. In parità numerica Ventura gli affibbia Meggiorini che non lo fa ragionare. Poi il Toro rimane in dieci e a quel punto avrebbe più spazio, ma non lo sfrutta. In più, ed è un’aggravante, perde due-tre palle sanguinose nella zona nevralgica del campo favorendo gli attacchi granata.

MARCHISIO 7,5: La sblocca lui con un inserimento dei suoi e scaccia le paura. Sembrava un remake di Juventus-Lazio e invece grazie al Principino la Juve porta a casa tre punti fondamentali per la classifica e per il morale in vista della Champions.

GIACCHERINI 6: E’ vero che viene sostituito nell’intervallo, ma non ha demeritato. Si è mosso su tutto il fronte offensivo, magari ha sbagliato qualche stop di troppo, ma comunque è positivo. E poi ha rischiato la caviglia sull’intervento durissimo di Glik, costato l’espulsione al polacco.

(dal 1′ st BENDTNER) 6: Buone sponde, cerca di farsi notare, ma non la butta mai dentro. Eppure una grande occasione l’avrebbe, ma spara addosso a Gillet da pochi passi.

VUCINIC 6,5: Non è ancora il vero Mirko, però ci sono buoni segnali, come l’assist per il terzo gol a Marchisio. Sta ritrovando la forma ed è quello che conta.

GIOVINCO 7: Il derby lo decide lui, con l’assist a Marchisio e il gol del 2-0. Nel primo tempo  non era stato molto lucido, ma nella ripresa ha ribaltato il Toro.

(dal 32′ st MATRI) s.v.

Allenatore, Alessio 6,5: Vittoria pulita, netta, nella ripresa la Juve è venuta fuori alla grande. Inizia col 4-3-3, poi è 3-5-2 e poi di nuovo 4-3-3. La sua ultima partita da allenatore in campionato. Ma anche lui sarà felice del ritorno di Conte.

Marco Orrù