Juventus » diretta live » Pagelle » Cagliari-Juventus, le pagelle dei bianconeri

Cagliari-Juventus, le pagelle dei bianconeri

Alessandro Matri

CAGLIARI-JUVENTUS PAGELLE / PARMA-

Buffon 6: bella parata su Sau, per poco non riesce a respingere il rigore calciato da Pinilla
Caceres 5,5: parte bene ma si perde in lanci che non portano a nulla di buono, comunque buono in fase difensiva
(61′ Padoin) 6.5: si mette a disposizione di Conte, piegando la testa e giocando quando serve. Gioca la palla di prima e mette sempre i compagni in condizione di puntare la porta;
Bonucci 6,5: si disimpegna bene in fase difensiva ed è sfortunato nel colpire la traversa, con un gran colpo di testa in sospensione
Barzagli 7: non sbaglia niente, come spesso gli capita e si rivela un vero baluardo della difesa. Nella ripresa sale insieme atutta la squadra nell’assalto alla porta di Agazzi
Lichtsteiner 6,5: belle progressioni in avanti, con incursioni che mettono in ambasce la difesa cagliaritana. Da quando ha ripreso la sua titolarità non sbaglia più una partita, viene ammonito ingiustamente
(72′ Vucinic) 6: nonostante il gol si vede che non è al massimo, anche perchè spesso quando ha la palla tra i piedi prende e tira. Alla fine però il sigillo lo mette lui e si porta a casa la sufficienza;
Vidal 5: non è la sua partita, arriva spesso in ritardo sul pallone ed è impreciso nei passaggi. Nel secondo tempo calcia malamente dal dischetto
Pirlo 6,5: la solita sicurezza tattica, lanci precisi e illuminanti, un pò lento nelle giocate rispetto al solito
Marchisio 6,5: inesauribile moto perpetuo, si sobbarca anche il lavoro di Vidal, tenta più volte la conclusione a rete, ma non è fortunato
Asamoah 6: in difficoltà nel primo tempo quando lo aggrediscono sul battente sinistro, ma poi si rende protagonista nell’assalto finale di due occasioni da gol e su una viene addirittura travolto dentro la rete;
Giovinco 8: trottola impazzita, per fermarlo i difensori sardi usano le maniere forti e spesso vengono costretti al giallo. A tratti prende in mano la squadra permettendo a Vucinic di chiudere la partita con il terzo sigillo;
Quagliarella 5: quando gioca titolare non riesce quasi mai a mettersi in evidenza, spesso anticipato e le sue conclusioni non sono efficacisu un campo su cui è difficile stare in piedi.
(60′ Matri) 8: la doppietta lo rilancia tra gli attaccanti bianconeri, arcigno e altruista serve ad Asamoah una palla che solo Agazzi riesce a levare dalla porta.

All. Conte 9: il tecnico bianconero guida dalla panchina i suoi, distribuendo consigli soprattutto agli esterni che vuole molto larghi. Nell’assalto finale gioca addirittura con quattro punte e ha poi ragione lui;

D.P.