Juventus » diretta live » Pagelle » Juventus-Lazio, le pagelle dei bianconeri

Juventus-Lazio, le pagelle dei bianconeri

Arturo Vidal (Getty Images)

JUVENTUS-LAZIO PAGELLE / TORINO

Storari 5: un indecisione che poteva costare cara nel primo tempo e un’altra che compromette la qualificazione nei minuiti finali
Barzagli 8: più passa il tempo e più migliora un’altra prestazione da incorniciare. In difesa chiude tutti i varchi, salvando il gol a Storari battuto, ma stavolta si propone in avanti di continuo, sfornando assist da centrocampista consumato. Standing Ovation
Marrone 5,5: si sacrifica in un ruolo che non sente suo e questo si evidenzia dal clamoroso errore che per poco non manda la Juve in svantaggio. Stona in una difesa vicino a due colossi come Barzagli e Bonucci
Bonucci 6,5: finchè è in campo gioca con la sicurezza abituale, ma deve arrendersi alla precaria condizione fisica. Encomiabile per la sua voglia di restare in campo, un vero gladiatore.
(42′ Caceres)
6,5: subentra a Bonucci e inanella un’altra buona prestazione nella difesa a tre, consentendo al reparto la sua consueta solidità
Isla 6: si propone spesso in avanti, ma è sempre difettoso nell’ultimo passaggio, il cileno è comunque in crescita rispetto alle prestazioni precedenti
Vidal 8: da tempo non si vedeva a questi livelli, recupera tanti palloni e li ridistrubuisce con sapienza. Ci sembra che abbia ritrovato la tonicità che gli permette di arrivare in anticipo sugli avversari. Colpisce un palo clamoroso e sfiora il gol in un’altre due circostanze. Re Artù è tornato
Pogba 6,5: lanci alla Pirlo, ma anche qualche errore di misura, gioca però sempre con grande naturalezza. Sfiora il gol con una gira di destro nella prima frazione di gioco e con un colpo di testa nella ripresa
Peluso 6,5: ancora non ci convince il suo adattamento, sembra un pesce fuor d’acqua ed è troppo timoroso nell’effettuare la giocata, si riscatta con un colpo di testa perfetto che sblocca il risultato, quando la sua sostituzione era già stata programmata da Conte
(71′ De Ceglie) 5: entra giusto in tempo per rovinare tutto, facendosi beffare da Mauri nel pareggio biancoceleste
Marchisio 6: reduce da un infortunio, si presenta con un’incursione dentro l’area avversaria, ma con il passare del tempo si affievolisce, si vede che non ha nelle gambe il ritmo partita
(77′ Vucinic)sv
Giaccherini 7: il solito peperino, incontenibile nelle sue percussioni in avanti ed è decisivo anche nelle chiusure difensive, si fa valere perfino sulle palle aeree
Matri 5,5: cose buone e altre meno buone, va a un passo dal gol con un tiro al volo che Marchetti sventa con un colpo di reni, ma non basta a giustificare la sua presenza

All. Conte:7,5: malgrado le numerose defezioni, riesce a mettere in campo una squadra di tutto rispetto, non è colpa sua se De Ceglie e Storari rovinano una partita condotta in maniera impeccabile.

Diego Pedullà