Juventus » esclusive » Juventus-Celtic, ecco le parole di Conte in conferenza stampa

Juventus-Celtic, ecco le parole di Conte in conferenza stampa

Antonio Conte (getty images)

 

JUVENTUS CONFERENZA STAMPA CONTE CLETIC – Ecco le parole di mister Conte in conferenza stampa alla vigilia del match col Celtic, parole riprese da ‘JuveLive.it’: ”Sarà una prova per tutti noi, quella di rimanere concentrati nonostante il buon risultato dell’andata. Abbiamo messo una seria ipoteca sul passaggio del turno, ma nel calcio si sa che se non ci metti determinazione e concentrazione vai a casa. Anche perchè il Celtic è una squadra pericolosa che anche con un calcio piazzato può metterti in difficoltà. E’ un banco di prova importante per noi, perchè dobbiamo dare il massimo e proseguire il nostro cammino, è nelle nostre possibilità. Lennon all’andata si è lamentato dell’arbitraggio? Io ho già risposto a Glasgow… Se Lennon si lamenta degli arbitri può venire in Italia, visto che qui ci lamentiamo tutti… A parte gli scherzi, lui sta facendo molto bene su quella panchina, ma se analizzo quella partita ogni volta che c’era una punizione o un calcio d’angolo, il nostro portiere era sempre ostacolato da uno di loro e quelli sono tutti calci di punizione, lo dice il regolamento. Io posso portare questo dossier, Lennon porterà il suo… Bendtner? E’ sempre molto difficile dare dei giudizi su vicende che sono accadute lontano dall’Italia. La società penserà bene a cosa fare per lui, ma per me è difficile dire qualcosa. Se fosse successo qua, avrei fatto qualcosa. Delle volte bevendo due bicchieri di vino ti trovano con il tasso alcolico alto, ma così non è facile capire ciò che è successo. Se fosse stato in Italia sapevamo in maniera chiara cosa è successo realmente, così invece dovremo aspettare ancora un pò per capire. Napoli-Juventus? La visione di una partita e il giudizio è soggettivo. Mazzarri ha detto una cosa, io posso dirne un’altra. L’importante è quello che vediamo noi, il mio staff e i miei giocatori per poi migliorare le cose sbagliate, senza preoccuparci di ciò che dicono gli altri. A Napoli non c’è stato un clima sereno, ma la squadra non si è fatta intimidire e la nostra prestazione non è stata scalfita da questo. Il mio futuro? Fa piacere ricevere attestati di stima, ma non solo per me, anche per i miei giocatori. Quando fai bene è normale che le attenzioni vadano su di te. Siamo orgogliosi di quello che stiamo facendo, tutti quanti. Dobbiamo sempre stare uniti e fare sempre meglio, per continuare a far parlare di noi. Una clausola per non andare via? Magari quando farò in nuovo contratto la farò mettere… Galliani dice che abbiamo già vinto lo scudetto? Io penso che Galliani mi darà un grande spunto per tenere viva la concentrazione dei miei giocatori. Lo scorso anno il Milan era nelle nostre condizioni e poi sappiamo tutti come è andata a finire. Forti di quell’esperienza noi sappiamo cosa fare, ci vuole attenzione e lo sappiamo. Mancano 11 partite, stiamo calmi, lo scorso anno ci serva da lezione. Ringrazio Galliani per la stima, lui in fondo in fondo è juventino e sotto sotto sarà contento…”.

Marco Orrù