Juventus » esclusive » Calciomercato, le parole di Raiola su Pogba, Ibra, Nedved e Bouy

Calciomercato, le parole di Raiola su Pogba, Ibra, Nedved e Bouy

Mino Raiola (getty images)

 

CALCIOMERCATO RAIOLA JUVENTUS – Il procuratore, tra gli altri, di Balotelli, Ibrahimovic e Pogba, Mino Raiola, ha concesso un’intervista a Tuttosport per parlare di vari argomenti. Ecco le sue parole:

Su Ibrahimovic: ”Non ho parlato di Ibra con la Juventus. E’ vero ero a Torino ed ero in sede alla Juventus, ma non per Ibra. Zlatan sta a Parigi, ha due anni di contratto e non si muove da lì”.

Su Pogba: ”L’altro giorno non ho parlato di Pogba e non lo vedo in partenza dalla Juventus, anzi… Ha trovato l’allenatore giusto e l’ambiente giusto. Se la Juventus lo vuole tenere non sarò io a premere per la cessione. Ripeto: si sta trovando bene e io con la Juventus ho ritrovato il giusto feeling. Rimane lì, così è contento pure mio figlio Mario. Si è affezionato alla Juve per Nedved, ora adora Buffon e Pogba, mica posso portarglielo via. E poi, scherzi a parte, guardate che non sono mica io a spostare i giocatori”.

Sulla sua fama di spostare sempre i giocatori: ”Allora chiariamo: io non ho mai trasferito un giocatore da una squadra all’altra senza il consenso della società, sfido a dimostrare il contrario. Poi magari è più facile dare la colpa a me e io me la piglio perché fa parte del mio lavoro, ma vi assicuro che nessuno si è mai alzato dal tavolo di una mia trattativa scontento. Io faccio sempre l’interesse dei miei assistiti, ma anche le società ci guadagnano”.

Su Nedved: ”La mia amicizia con Pavel è eterna, io gli vorrò bene fino alla morte. Se è un buon dirigente? Chiedetelo ad Agnelli: per me è già un buon dirigente! Ha le idee chiarissime, capisce di calcio e di uomini, sa come comportarsi in ogni situazione. Lo volevo portare all’Inter? Sì, se mi avesse dato retto avrebbe vinto il triplete da protagonista! Ma lui è troppo puro e non volle tradire la Juventus, anche se Blanc si era comportato molto male con lui.

Su Bouy: ”Ma perché parlate solo di Pogba? Io alla Juventus di fenomeni ne ho portati due. L’altro è Bouy e vi garantisco che è forte come Paul: a Brescia si era già conquistato un posto da titolare e andate a chiedere a Calori quanto è forte. Ora sta recuperando dal brutto infortunio (legamenti del ginocchio), ma tornerà presto e vedo un suo futuro a Torino. Dove esploderà come Pogba”.

Su Balotelli: ”Vicino alla Juve a gennaio? No, mai. E posso dire una cosa su Mario? Basta con tutto questo gossip su di lui! Non può neppure andare in centro a comprarsi una maglietta che subito è assalito dai fotografi. E’ un calciatore, non un attore e certamente non va a cercarsi quel tipo di fama”.

Marco Orrù