Juventus » esclusive » Inter-Juventus, Tacchinardi: “Non è mai una gara banale”

Inter-Juventus, Tacchinardi: “Non è mai una gara banale”

Alessio Tacchinardi - Getty Images

TACCHINARDI INTER-JUVENTUS – Ecco le parole di Alessio Tacchinardi, ex playmaker della Juventus, ai microfoni di Calciomercato.it: “Sarà sicuramente una bella partita, molto intensa e vibrante. Inter-Juventus non è mai una gara banale, conosciamo tutti la grande rivalità che c’è tra queste due squadre. La Juve non penserà al Bayern Monaco, Conte non è un tipo da fare calcoli. Questa match è molto stimolante: i bianconeri daranno il massimo per arrivare sulle ali dell’entusiasmo alla sfida di Monaco. L’Inter avrà la smania di fare bene, vorranno dimostrare di essere all’altezza di questa Juve. I nerazzurri devono assolutamente vincere per non perdere definitivamente il treno Champions. Tra queste due squadre dovrebbe regnare una sana rivalità, bisognerebbe abbassare i toni in certe circostanze. Dovremmo importare in Italia la cultura inglese. In tal senso, mi sono piaciute le parole di Moratti che si è complimentato con la Juve. Credo che Matri possa essere un giocatore importante nelle file bianconere. Non è andato in Nazionale, si è potuto allenare bene durante queste due settimane. Avrà tanta voglia di fare, sarà un’arma preziosa per Conte. Nell’Inter l’ago della bilancia sarà Cassano, con le sue intuizioni può mettere in difficoltà la difesa juventina. Cassano rimane un fuoriclasse, come pochi in circolazione. Gli impegni con le varie nazionali, comunque, potrebbero influenzare le scelte dei due allenatori. Pogba è un giocare incredibile, fantastico. Gioca con una personalità da veterano, è già un top-player nel suo ruolo. Per quello che ha fatto vedere in questa prima stagione in Italia, è da considerarsi ormai come un titolare. E’ al pari di Pirlo, Vidal e Marchisio: Conte ha a sua disposizione un poker d’assi davvero invidiabile in mediana. Pogba potrebbe giocare, come potrebbe partire dalla panchina; possibile che Conte lo faccia riposare, ha giocato due partite impegnative con la Francia. Non mi sorprenderebbe di vederlo titolare martedì contro il Bayern”.