Juventus » esclusive » Lazio-Juventus, Conte: “Chissenefrega delle statistiche! Abbiamo corso più del Bayern, ma…”

Lazio-Juventus, Conte: “Chissenefrega delle statistiche! Abbiamo corso più del Bayern, ma…”

Antonio Conte (getty images)

LAZIO-JUVENTUS CONFERENZA STAMPA CONTE / TORINO– Ecco le parole di Conte in conferenza stampa alla vigilia di Lazio-Juventus: “Mancano 7 partite, ci sono 21 punti a disposizione e puntiamo a chiudere bene questo campionato. I nostri obiettivi erano la qualificazione in Champions League e lo Scudetto e li stiamo centrando. Alla Lazio mancano tanti giocatori? Anche noi abbiamo tante assenze, come Chiellini, Giovinco, Pepe, Anelka, Bendtner… . Sarà una partita ostica, si affrontano le due squadre che hanno giocato di più quest’anno. La crescita di Pogba è importante, qui non  ci sono gerarchie: chi sta meglio gioca. Cerco sempre di mettere in campo la squadra migliore in assoluto. Non credo che Marchisio e Pirlo siano stanchi, potrei anche schierare tutti e tre i centrocampisti. La sconfitta col Bayern non ci ha tolto sicurezze. I fatti  Non penso che siamo usciti ridimensionati dal confronto, ma ‘dimensionati’: abbiamo capito chi siamo, dobbiamo essere intelligenti e capire, anche all’interno della società, che c’è tanto da lavorare  per crescere. Galliani dice che negli ultimi 5 anni hanno fatto più punti di noi? Quello che conta a casa mia sono le vittorie. Abbiamo corso più del Bayern Monaco ma sono passati loro, quindi chissenefrega delle statistiche. Chi vince scrive il suo nome nella storia, gli altri la leggono. Mazzarri ha detto che anche per lo Scudetto tutto può ancora succedere? Ha fatto bene! Fossi in lui e Allegri crederei nella rimonta perciò dobbiamo stare attenti e continuare a vincere. Loro, però, non possono compiere passi falsi. A me dispiace perchè qui si perde da squadra e si vince da squadra, quindi non vince Vucinic e non perde Vucinic. Io mi auguro che sia abbastanza chiaro il concetto, che l’ambiente capisca e che apprezzi quello che stanno facendo questi ragazzi, perchè stanno facendo qualcosa di straordinario e io non smettero mai di ringraziarli.