Juventus » esclusive » Juventus, Chiellini: ”Derby pericoloso. Champions League? Presa l’avversaria peggiore”

Juventus, Chiellini: ”Derby pericoloso. Champions League? Presa l’avversaria peggiore”

Giorgio Chiellini (getty images)

 

JUVENTUS CHIELLINI/TORINO – Conferenza stampa di Giorgio Chiellini oggi a Vinovo. Ecco le sue parole, riportate da JuveLive.it: ”Contro il Toro è una partita importante, ci teniamo a far bene e a vincere. Non credo che vinceremo già domenica lo scudetto perchè il Napoli sarà difficile che farà un passo falso. Anche loro si giocano tanto e con tutto il rispetto per il Pescara credo che porteranno a casa la vittoria. Noi pensiamo al Torino, pensando alla gara d’andata sappiamo cosa ci aspetta. E poi il derby è sempre il derby no? Sarebbe una follia sottovalutarli, ma non lo faremo. Non dobbiamo rilassarci, l’obiettivo è vicino, ma dobbiamo raggiungerlo il prima possibile. Non dobbiamo lasciare speranze a nessuno. Rivalutati dopo la sconfitta col Bayern? Il Barcellona era favorito, ma per come abbiamo visto i tedeschi contro di noi erano un passo avanti. Paradossalmente la partita con noi gli ha dato la consapevolezza di essere quasi invincibili. Contro gli spagnoli hanno giocato una partita con un livello di intensità incredibile. Modello tedesco? Di era tedesca bisognerà parlare tra qualche anno. Ora aspettiamo il ritorno, ma credo che un cambio radicale nel calcio europeo ci sia stato. Battere due squadroni come quelli spagnoli è davvero tanta roba. Come ho detto la differenza la sta facendo l’intensità che ci mettono i tedeschi, anche contro squadre tecniche come Real e Barça fa la differenza. Derby partita particolare? Per la Juventus, magari un match contro Milan, Inter e Napoli ha un valore maggiore, o anche le sfide di Champions, però anche il derby in città è molto sentito, io sono qui da parecchi anni e l’ho vissuto. A Livorno c’è la rivalità col Pisa, a Milano ci sono Milan e Inter, ma i derby sono sempre molto sentiti. La classifica del Toro è un pò bugiarda, ma per noi non è come giocare contro l’Atalanta, per esempio, che ha gli stessi punti dei granata, è un pò diverso. La differenza fra noi e gli altre squadre italiane è la difesa? Lo dice la storia, chi ha la miglior difesa vince, fa la differenza. E’ una questione di squadra, non solo del pacchetto difensivo. Champions? A posteriori abbiamo preso l’avversario peggiore, stavano meglio di tutti. A parole è facile dire che col Barcellona o il Real ce la giocavamo, sarebbe stato bello provarlo. Contro il Bayern siamo stati bravi, ma loro hanno strameritato. Comunque è stato importante per la nostra crescita il doppio scontro contro i tedeschi”.

Marco Orrù