Juventus » rassegna stampa » Torino-Juventus, le pagelle dei bianconeri

Torino-Juventus, le pagelle dei bianconeri

Paul Pogba

TORINO-JUVENTUS PAGELLE / TORINO- Ecco le pagelle dei bianconeri:

Buffon 7: intervento strepitoso su un tiro di Santana che alza sopra la traversa che poteva indirizzare la partita in favore dei granata. Per trovare un suo sostituto troppa acqua deve passare sotto i ponti e non sarà facile per la Juve trovarne uno che possa percorrere le sue gesta
Barzagli 7: chiusure da vero campione, malgrado un campo dove si fatica a mantenere l’equilibrio
Bonucci 7: non sbaglia una partita, figuriamoci il derby. Bonny non concede il minimo spazio agli attaccanti granata
Chiellini 7: nel clima di battaglia lui si esalta. Incarna la mentalità aggressiva del suo allenatore, senza mollare mai fino al raggiungimento dell’obiettivo
Lichtsteiner 6: s’invola spesso sulla sua fascia di competenza, duello fisico con il suo dirimpettaio granata, che lo porta a rischio ammonizione. Conte gli risparmia i minuti finali
(73′ Caceres) sv: bentornato
Vidal 8: il solito guerriero, o capitan uncino, come preferite, ma confeziona un’altra prestazione positiva a dimostrazione che le sue intenzioni sono quelle di rimanere alla Juve. Con un gol da fuoriclasse toglie le castagne dal fuoco e porta i Campioni d’Italia a un punto dal secondo scudetto consecutivo. Grande Re Artù
Pirlo 6,5: tartassato dagli avversari, non perde mai la bussola. Ritornato ai suoi livelli ispira con maestria, mettendoci una grinta che solitamente non è nelle sue corde. Le brutte prestazioni col Bayern sono alle spalle
Pogba 7,5: se mai qualcuno nutrisse qualche dubbio sulla forza di questo giocatore, eccoli fugati da una partita fatta di precisione tecnica, dedizione tattica e con numeri da vero campione. Quando gioca così è lui il valore aggiunto della squadra. gli manca solo il gol che sfiora in una scivolata che incredibilme
Asamoah 7: sembra aver ritrovato una certa vigoria fisica, che come sua stessa ammissione gli aveva levato la spedizione in Coppa d’Africa. Lo testimonia un grande recupero a centrocampo che impedisce un contropiede pericoloso del Torino
Marchisio 7: un “Principino” propositivo, come dimostra l’occasione del gol annullato per fuorigioco. Ma il ruolo che Conte gli ha ritagliato in questi ultimi match non gli si addice. il suo assist per il vantaggio di Vidal e il gol del raddoppio arrivano quando Conte lo arretra avanzando il cileno
Vucinic 5: è il problema dell’attacco bianconero. Se gioca sulle punte come spesso gli capita, non può essere ficcante dentro l’area avversaria. Lento e involuto nel dar sfogo all’azione offensiva. E’ terapeutico il cambio di Conte a un quarto d’ora dal termine
(73′ Quagliarella) sv

All. Antonio Conte 6: non condividiamo qusto sistema di gioco che ha snaturato la squadra dopo la debacle di Champions. Vucinic da solo in attacco è tropo poco per impensierire una squdra arroccata in difesa. Il voto non eccelso testimonia la paura che sta palesando negli ultimi tempi, dove scarseggiano le occasioni da rete. Si ravvede nel finale aquando arretra Marchisio, che quando s’inserisce a fari spenti nell’area di rigore è difficilmente marcabile

Diego Pedullà