Juventus » diretta live » Post-Partita » Juventus-Palermo 1-0, ecco le parole di Conte a fine gara

Juventus-Palermo 1-0, ecco le parole di Conte a fine gara

Antonio Conte (getty images)

 

JUVENTUS PALERMO CONTE – Ecco le parole di Antonio Conte al termine della gara rilasciate a Sky e riprese da JuveLive.it: ”Siamo molto contenti e soddisfatti, merito ai ragazzi, sono stati straordinari. Stagione intensa e faticosa, sono orgoglioso di loro. Non era facile vincere. Eravamo favoriti e questo non è mai facile. Avevamo la Champions League che ci ha tolto tante energie, ma nonostante questo abbiamo trionfato con 3 giornate d’anticipo. Non finirò mai di ringraziare i miei giocatori, il mio staff e la società. La sconfitta in casa con l’Inter ci ha fatto capire alcune cose. Eravamo partiti fin troppo bene e quella sconfitta ci ha svegliato. Ci ha riportato con i piedi per terra. Anche se i ragazzi non sono dei presuntuosi. Dopo quella sconfitta siamo ripartiti subito. La partita che mi ha fatto più male è stata la sconfitta in casa con la Samp. Lì mi sono molto arrabbiato, ma era stata una partita strana, non doveva più accadere e non è più accaduto. Il mio futuro? Qua sto benissimo, sono nel posto dove ho sempre sognato di stare. Il mio sogno era tornare qua e farlo da allenatore. Quello che ho detto ieri è stato che a fine anno, dopo due stagioni straordinarie, mi incontrerò con la società per vedere quali saranno le prospettive. Ma in maniera molto serena. Sarò sempre grato a loro. Cosa significa alzare l’asticella? Dopo due scudetti vinti sarebbe un problema non vincerne un altro. Anche in Champions il prossimo anno ci sarà concorrenza, ci sarà il City, il Chelsea. Mi chiedono la Champions, dobbiamo essere realisti. Quando siamo usciti contro il Bayern siamo stati parecchio criticati, si diceva di uno scudetto non all’altezza. Io sapevo che abbiamo incontrato una grande squadra e infatti ero tranquillo e ho riconosciuto che loro sono stati più forti di noi. Come noi in Italia lo siamo stati rispetto agli altri. Tutto qua”.

Marco Orrù