Juventus » diretta live » Pagelle » Final Eight Primavera – Chievo-Juventus, pagelle dei bianconeri

Final Eight Primavera – Chievo-Juventus, pagelle dei bianconeri

Stefano Padovan (Getty Images)

FINAL EIGHT PRIMAVERA PAGELLLE / GUBBIO- Ecco le pagelle dei bianconeri:

Branescu 7:  non ci è sembrato particolarmete responsabile sul rigore che l’arbitro ha concesso generosamente. Evita altri due gol con interventi decisivi
Rugani 6: non ha colpe sul primo gol ma è troppo passivo in occasione del secondo. Rovina una prestazioneche fino a quel momento era stata positiva
Magnusson 6,5: mostra grande personalità e la dimostra anche con il perfetto calcio di punizione che da il pareggio ai bianconeri. Però è imperdonabile la disattenzione sul gol di Ekuban
Pol Garcia Tena 6: si allinea alla buona prova dei compagni di reparto e  non figura tra i responsabili delle due marcature clivensi
(Ceria) sv
Untersee 6,5: si propone sulla fascia con continuità, sempre in aiuto a supporto del centrocampo. Si rene pericoloso con qualche suo cross
Gerbaudo 5: la delusione della partita, un tiro a inizio match e niente più
(64′ Cavion) 6: più incisivo del compagno che lo ha preceduto, da sostanza al centrocampo cercando di sostenere la manovra in fase di costruzione
Schiavone 6,5: soffre nel primo tempo la compattezza del Chievo e l’assenza di uno come Beltrame sempre pronto a inserirsi. Nella ripresa ha più spazio per orchestrare la manovra e si fa sentire. Sfiora anche il gol del vantaggio con una punizione dal limite, che viene respinta dal portiere clivense
Kabashi 6,5: corre in lungo e in largo e cerca anche la conclusione dalla distanza. Non trova la via del gol ma si rende spesso pericoloso, soprattutto nelle sue sovrapposizioni con Mattiello
Mattiello 7: Ci prova in tutti i modi a creare pericoli agli avversari. Le sue progressioni mettono a disagio la difesa gialloblu. Prova anche a sfondare al centro, ma non riesce a ripetere le marcature che avevano deciso la finale di Coppa Italia
Bonatini 5: un pesce fuor d’acqua, non riesce mai a rendersi pericoloso. Non è aiutato dalla posizione defilata in cui lo schiera mister Baroni
(46′ Beltrame) 7: il suo ingresso da un impulso alla squadra e tutti ne traggono benefici, soprattutto il compagno di reparto Padovan. Le sue incursioni ad ampie falcate scombinano la compattezza della squadra clivense. Prova il tiro risolutore più volte, ma non è fortunato nelle conclusioni. Si vede che ha la stoffa del grande giocatore e la Juve farebbe bene a blindarlo il prima possibile
Padovan 6: nel primo tempo si trova spaesato per via dell’assenza del compagno di reparto. Infatti Bonatini c’è ma non si vede, mentre quando entra Beltrame si trova più a suo agio nell’offendere la retroguardia gialloblu

All. Baroni 6: L’assenza iniziale di Beltrame lo costringe a schierare una coppia inedita in avanti, forse però Lanini sarebbe stato più adeguato di Bonatini. Prova con dei cambi ad aggiustare il tiro e riesce a prendere il sopravvento nel secondo tempo. Cerca in ogni modo di scongiurare i tempi supplementari e l’entrata dell’esterno offensivo Ceria sta a dimostrarlo. Purtroppo la Juve non è fortunata, perchè quando aveva in pugno la partita si è fatta sorprendere dal tiro di Ekuban.

Diego Pedullà