Juventus » Calciomercato Juventus » Juventus, ESCLUSIVO/ Rampulla: “Auguro a Leali di fare una grande carriera, magari alla Juve!”

Juventus, ESCLUSIVO/ Rampulla: “Auguro a Leali di fare una grande carriera, magari alla Juve!”

Michelangelo Rampulla

RAMPULLA JUVENTUS / TORINO – Abbiamo oggi raggiunto in ESCLUSIVA lo storico ex secondo portiere della Juventus, Michelangelo Rampulla.

La Juventus si è sicuramente rinforzata. Come valuta il mercato bianconero?
“Direi che la Juventus si é mossa molto bene ha preso dei giocatori importanti, molto forti e diversi per caratteristiche. Tevez e Llorente direi che sono ottime scelte. Si è rinforzata di certo”.

Storari e Rampulla due grandi portieri. Ma a volte non sta stretto il ruolo di secondo?
“Certamente fare il secondo non è semplice ma, se davanti hai Buffon si può solo chiedere di andare via se si vuole giocare .Storari è un ottimo portiere, secondo me è migliorato molto negli ultimi anni e meriterebbe di giocare. Alla Juve è molto difficile farlo davanti ha il migliore del mondo.”

Può secondo lei la Juventus competere in Europa con le grandi?
“Credo che competere in Europa sia molto difficile, le grandi squadre europee hanno la possibilità di prendere i migliori giocatori per via di questa enorme disponibilità economica che le squadre italiane non hanno, ma credo che la Juve possa fare molto bene. Ha qualità, gioco e voglia di vincere trasmessa da Conte e dall’ambiente.”

Chi è per Rampulla il portiere più forte in Italia e chi è il giovane numero 1 che può emergere? Per esempio un pensiero su Leali.
“Quello che mi piace di più è sicuramente Buffon, ho avuto la fortuna di averlo prima come compagno di squadra e di camera e poi, anche la fortuna di allenarlo per 2 anni. Un altro portiere che mi piace e che ho allenato è Mirante del Parma,avrebbe meritato molto di più. Su Leali invece non so molto, sento che tutti ne parlano molto bene ma per via del mio lavoro all’estero non ho avuto modo di seguirlo, spero e gli auguro di fare una grande carriera magari alla Juve.”

Giovanni Remigare