Juventus » esclusive » Juventus, Mauro Suma stuzzica ancora: ”Su Marchisio…”

Juventus, Mauro Suma stuzzica ancora: ”Su Marchisio…”

Richmond Boakye (getty images)

 

JUVENTUS MILAN MAURO SUMA MARCHISIO – Il Direttore di Milan Channel Mauro Suma non è nuovo a provocazioni contro la Juventus. Dalle colonne di Tuttomercatoweb, stavolta attacca la Juve sul caso Marchisio. Ecco le sue parole:

Alla fine Claudio Marchisio resterà alla Juventus. Ma i bene informati di casa Juventus, a qualche mia allusione sulla presunta incedibilità del Principìno, non mettono la mano sul fuoco. Marchisio ha un valore di mercato molto alto e non verrà mai svenduto. E con ogni probabilità neanche venduto. Ma quanto ci permettevamo di sostenere qualche settimana fa, e cioè se arriva l’offerta giusta Marchisio potrebbe anche partire, ci sentiamo di confermarlo. Senza certezze e con i piedi di piombo, ma lo facciamo. Del resto la Juventus ha speso molto in questo mercato, partendo da una situazione di bilancio già passiva. I prezzi dei propri attaccanti non sono altissimi, perché il mercato sa che, dopo Tevez e Llorente, la Juventus “deve” vendere. E quando il mercato ti guarda in faccia in questo modo conoscendo le tue esigenze e le tue necessità, le valutazioni economiche ne risentono. E qui torniamo a Claudio Marchisio. Ecco, lui è fuori dalla fascia dei Vucinic, Quagliarella e Matri, tutti e tre ottimissimi giocatori naturalmente, ovvero da quella tipologia di giocatori che l’ambiente calcistico si aspetta che la Juventus proponga. Marchisio è un caso a parte, con una quotazione a parte. La Juventus non ha trattative in corso e più passano i giorni più diventa difficile sia monetizzare sui giocatori chiave che piazzare qualche giocatore in esubero. Tutto questo è chiaro e cristallino, ma lo spettro delle possibilità è sempre molto ampio sul fronte bianconero soprattutto in uscita. Non solo, perché la Juventus cerca anche un esterno. Ma a maggior ragione, dovendo fare un altro acquisto, qualcosa o qualcosona in uscita dovrà pur accadere”.

Marco Orrù