Juventus » esclusive » Juventus, Ravanelli: ”Niente paura, io mi fido di Conte”

Juventus, Ravanelli: ”Niente paura, io mi fido di Conte”

Fabrizio Ravanelli (getty images)

 

JUVENTUS RAVANELLI AJACCIO CONTE – L’ex allenatore delle giovanili della Juventus Fabrizio Ravanelli, è pronto a esordire nel prossimo weekend nel campionato francese alla guida dell’Ajaccio. Intervistato dal quotidiano Tuttosport, ‘Penna bianca’ svela un particolare retroscena e poi parla del suo ex compagno di squadra Antonio Conte: ”I club (Juventus e Ajaccio ndr) sono in contatto per organizzare un’amichevole a settembre, durante la pausa delle Nazionali. L’idea è quella di portare la Juve qui in Corsica per una partita in memoria del nostro presidente Michel Moretti. Possibili acquisti dalla Juve? Ziegler a livello tecnico sarebbe perfetto, però temo che abbia un ingaggio superiore ai nostri parametri. Boakye sarebbe un’opportunità interessante. A Sassuolo ha fatto bene, sono convinto che si imporrebbe anche in Francia. Ma se rientra a Torino, come ho letto in questi giorni, diventa dura strapparlo a Conte. Juve in difficoltà in vista della Supercoppa? Potrebbe essere svantaggiata a livello fisico e arrivarci un po’ imballata, visto che in queste settimane sta svolgendo un lavoro durissimo, mirato a lottare su tre fronti fino alla fine. Però conoscendo Conte, che non mollerebbe nemmeno il trofeo dell’oratorio, sono certo che porterà i suoi giocatori oltre i propri limiti. È la sua forza. Antonio non è solo il miglior tecnico italiano: è il Messi degli allenatori. Se i timori di Conte sulla fame dei suoi sono reali? Sì, perché a livello inconscio un rilassamento può esserci sempre. Sono fiducioso, però. In Italia la Juve è sempre la favorita, la vera lotta sarà dietro: penso a Napoli e Fiorentina. La Champions? Sono altrettanto fiducioso. La Juventus è già competitiva così. Quello che le manca a livello di giocatori rispetto alle big europee lo compensa grazie a Conte. Quasi tutte le favorite della Champions hanno cambiato allenatore, la Juve no. La continuità tecnica è un aspetto importante”.

Marco Orrù