Juventus » esclusive » Supercoppa, Conte: “Il caso Llorente mi fa sorridere”

Supercoppa, Conte: “Il caso Llorente mi fa sorridere”

Antonio Conte (getty images)

SUPERCOPPA LLORENTE / ROMA – Ecco le parole rilasciate dal tecnico bianconero, Antonio Conte,  nella conferenza stampa alla vigilia di Lazio-Juventus: “Preparare una partita  in soli tre giorni non mi ha rallegrato,  ma la stessa cosa è successa a Petkovic, quindi partiamo alla pari e non abbiamo alibi. E’ un trofeo importante, sia per noi che per la Lazio. L’abbiamo vinto l’anno scorso e speriamo di rivincerlo, spero venga dato il giusto valore alla Supercoppasia nel caso in cui vinceremo noi sia nel caso dovesse farlo la Lazio. Lavoro con questi ragazzi da più di due anni ed ho dellecertezze sia dal punto di vista calcistico che umano, quindi sono sereno. L’anno scorso la Lazio ci ha messo in difficoltà solo dal punto di vista del risultato perché credo che la Juventus meritasse di più. Però è una squadra che  rispettiamo. allenata da un tecnico che ha fatto bene al suo primo anno in Italia. Le scelte? Le farò in maniera serena in base allo stato di forma dei giocatori. Llorente?  Si sta cercando di creare un caso che mi fa sorridere. E’ arrivato da tre settimane in Italia dopo un anno di inattività e sta lavorando molto per ritrovare le distanze in campo, è inevitabile che abbia delle difficoltà ma mi sembra esagerato creare un caso intorno a lui. Siamo stati bravi e fortunati a prenderlo a parametro zero,  e sono sicuro che ci darà una grande mano. Bisogna avere un po’ di pazienza senza dire che il tecnico vuole scaricarlo solo per fare il titolo giornalistico. Non credo ci siano favoriti, ma  mi auguro che ad alzare la Supercoppa sia la squadra che l’ha meritato di più e non quella più fortunata. Problemi? Sono due anni che facciamo due anni straordinari, non possiamo considerare problemi le sconfitte in partite amichevoli. Ringrazio la Roma che ci ha permesso di allenarci a Trigoria in un momento di difficoltà. Se loro vorranno, come forma di ringraziamento, potremmo ospitarli a Vinovo quando dovranno giocare contro il Torino”.