Juventus » diretta live » Pagelle » Italia-Bulgaria, le pagelle degli azzurri

Italia-Bulgaria, le pagelle degli azzurri

Gigi Buffon - Getty Images

ITALIA-BULGARIA PAGELLE / PALERMO – Ecco le pagelle degli azzurri:

ITALIA

Buffon 7,5: si fa sorprendere su un tiro di Manolev al 20′, che riesce a sventare fortunosamente, ma è praticamente mostruoso nel respingere sulla linea di porta una palla che sembrava stesse infilarsi in rete inesorabilmente. Si ripete con un balzo prodigioso dopo circa un quarto d’ora della ripresa e blinda la porta anche su un malcapitato tocco all’indietro di Thiago Motta;
Abate 6,5: si fa sentire sia in fase difensiva che in attacco con le sue proverbiali folate, è costretto a uscire per infortunio al 34′;
(80′ Maggio) sv.
Bonucci 6,5: dirige la difesa con grande autorità. Va in difficoltà solo sui calci piazzati nelle mischie che i bulgari creano davanti a Buffon. Quando l’Italia attacca è prezioso il suo apporto a sostegno del centrocampo;
Chiellini 6,5: soffre la velocità di Tonev in avvio, ma riesce con il mestiere a scongiurare seri pericoli. Costretto a spostarsi a sinistra dopo la sostituzione di Antonelli e chiude senza eccessivi problemi
Antonelli 6,5: bravo in fase di copertura più timido nella fase offensiva, una prova comunque convincente. E’ costretto a uscire per un ennesimo infortunio;
(66′ Astori) 6: si piazza al centro della difesa e sbroglia subito una situazione difficile;
Thiago Motta 6: si limita al compitino a sostegno di Pirlo, ma non prova mai un’iniziativa personale per mettere in scacco la Bulgaria;
Pirlo 6: è il solito direttore d’orchestra, prova a innescare gli avanti azzurri con i soi lanci millimetrici, ma non disdegna di provare personalmente a mettere il suo sigillo sulla partita con la sua specialità su punizione. Crolla forse fisicamente negli ultimi minuti, facendosi soffiare un pallone che innesca il contropiede bulgaro e successivamente creando problemi a Buffon con un passaggio indietro avventato
De Rossi 5,5: non trascendentale, poco filtro a centrocampo che permette ai bulgari di avanzare a loro piacimento. Cerca di farsi vedere in avanti con qualche sortita delle sue, ma da uno come De Rossi ci aspettiamo qualcosa di più;
Candreva 6,5: sia a destra che a sinistra mette in abbasce i suoi dirimpettai bulgari. Decisiva la sua pennellata, dopo un dribbling ubriacante, nel servire Gilardino nel gol di apertura del match. Delizioso un velo per Insigne che da fuori spara alto;
Insigne 6: gioca con la sfrontatezza di chi sa di possedere delle qualità fuori dal comune. A tratti con i suoi guizzi riesce a incidere sulla partita, poi si perde nelle pieghe del match e deve uscire per infortunio. Un giocatore che in futuro darà tanto a questa nazionale;
(67′ Giaccherini) 5,5: entra per dare inventiva e velocità in avanti e tenere in allarme la difesa bulgara, ma non riesce a incidere granchè;
Gilardino 7: si vede subito che ha una gran voglia di mettersi in luce, arpionando il pallone al limite dell’area, ma il suo tiro risulta debole. Tiene palla nel far salire la squadra e  costringe spesso al fallo gli avversari. Sblocca la partita con un imperioso stacco di testa su un assist al bacio di Candreva e sfiora il raddoppio a circa un quarto d’ora dalla fine;

Ct. Prandelli 6: nei primi 20′ minuti sembra una nazionale impacciata, che funge da spettatrice alle manovre degli avversari, ma nella seconda parte del primo tempo riesce a trovare le giuste misure e a portarsi in vantaggio. Nella seconda frazione di gioco la squadra cerca di più la profondità, riuscendoci parzialmente, ma deve subire il ritorno fisico della Bulgaria. Il Ct ha comunque l’attenuante di aver dei giocatori che hanno ancora pochi minuti nelle gambe.

Diego Pedullà