Juventus » esclusive » Torino, Cairo contro Conte: ”Si arrampica sugli specchi”

Torino, Cairo contro Conte: ”Si arrampica sugli specchi”

Urbano Cairo (getty images)

Urbano Cairo (getty images)

 

TORINO JUVENTUS CAIRO CONTE – Da casa Torino non terminano la polemica riguardo il derby di ieri. E’ il turno del Presidente Urbano Cairo che va giù duro su Conte: ”Purtroppo siamo stati penalizzati nel derby, ma ora dobbiamo andare avanti e giocare – dice il n.1 granata – Chiedo che ci sia piu’ attenzione verso di noi. Conte? Arrampicarsi sugli specchi e’ la cosa che fa piu’ arrabbiare. Conte e’ un bravo allenatore e non ha bisogno di attaccarsi a queste cose. Ho rispetto di Conte, della sua squadra della Juve e degli arbitri ma sentirsi presi in giro non va bene. Quello che e’ successo nel derby si e’ visto. Era una partita molto tattica, con la Juve che ha creato una sola occasione nitida, quella di Giovinco e poi il gol in fuorigioco, questo e’ stato quello che ha fatto la Juve. Noi non abbiamo creato palle gol, ma e’ stata una partita molto tattica con la ricerca da parte di entrambe le squadre nel non dare vantaggi all’altra, sono partite non belle, ma sono dei derby. Del gol in fuorigioco dispiace molto, siamo sfortunati, perche’ abbiamo già avuto tre situazioni importanti di penalizzazione, peraltro con arbitri bravi, perche’ non si puo’ dire che Mazzoleni, Massa e Bergonzi non siano bravi. Uno ha arbitrato il Toro con l’Atalanta, un altro con il Milan e adesso con la Juve, tutti e tre bravi e con una squadra di assistenti di arbitri di porta altrettanto bravi, ma il fuorigioco e’ evidente, non millimetrico, era di mezzo metro e molto visibile. Purtroppo siamo penalizzati. Su sei partite siamo stati penalizzati in tre, e’ una cosa pesante, ma ho molta fiducia nel fatto che le cose vengano fatte bene, in modo equilibrato e mi appello al fatto che cia sia maggiore attenzione anche per noi. Alla fine sono 4 punti persi, tra il gol in fuorigioco dell’Atalanta, la situazione di Larrondo e il gol della Juve”.

Marco Orrù