Juventus » Juventus news » Juventus-Galatasaray, ecco i precedenti del match

Juventus-Galatasaray, ecco i precedenti del match

Juventus-Galatasaray del 2003 (getty images)

Juventus-Galatasaray del 2003 (getty images)

 

JUVENTUS GALATASARAY PRECEDENTI – Per due volte i turchi del Galatasaray hanno giocato a Torino contro la Juventus. Entrambe le volte il teatro della sfida è stato lo Stadio delle Alpi e non sono mancate le emozioni.

La prima volta la sfida tra bianconeri e giallorossi inaugura la Champions League 1998/99, che vedrà poi la Juventus arrivare fino in semifinale. Marcello Lippi schiera il seguente undici: Peruzzi, Birindelli, Tudor, Tacchinardi, Pessotto, Di Livio, Deschamps, Davids, Fonseca, Inzaghi, Del Piero. Gli ospiti, guidati da Fatih Teim, hanno alcune conoscenze del nostro calcio: su tutti il portiere campione del mondo con il Brasile Taffarel, il fantasista Hagi – che proprio l’anno dopo si renderà protagonista di un brutto intervento su Conte agli Europei del 2000 – e l’attaccante Hakan Sukur, destinato a un ruolo di non primissimo piano in Serie A.

Ma quella serata si rivela decisamente problematica per la Juve. Il gol di Inzaghi – una conclusione al volo in torsione, una delle reti più belle della sua carriera – sembra spianare la strada. Ma l’espulsione di Peruzzi complica i piani e in inferiorità numerica per un’ora di gioco non è facile resistere alla pressione turca. Hakan Sukur e Umit capovolgono il risultato e ci vuole una rete di Birindelli per consentire alla Juve di non esordire con una sconfitta.

Le due squadre si ritrovano nel 2003/04. Anche in questa circostanza il confronto diretto al Delle Alpi inaugura il percorso nel girone. Lippi contro Terim, esattamente come cinque anni prima, danno vita a un confronto interessante. La Juve scende in campo con Buffon, Thuram, Ferrara, Montero, Zambrotta, Tacchinardi, Appiah, Camoranesi, Nedved, Del Piero, Trezeguet. Il trascinatore dei turchi è ancora Hakan Sukur. È ancora lui sa mettersi in mostra segnando al minuto 19, una rete inutile perché prima e dopo Alessandro Del Piero inventa due gioielli che consentono ai bianconeri di debuttare nella Champions League di quell’anno con la conquista dei tre punti.

Fonte: Juventus.com

Marco Orrù