Juventus » diretta live » Pagelle » Juventus-Milan, pagelle del match

Juventus-Milan, pagelle del match

Sebastian Giovinco (getty images)

Sebastian Giovinco (getty images)

JUVENTUS-MILAN PAGELLE / TORINO – Ecco le pagelle del match:

JUVENTUS

Buffon 7: sorpreso da Muntari, ma decisivo sull’1-1 con due grandi interventi su Zapata e Robinho, nulla puo’ sulla rete del 3-2 spiazzato da Bonucci;
Padoin 6: equilibrato e disciplinato. Il gol arriva dalla sua parte, ma l’azione del Milan in occasione della prima rete rossonera e’ parecchio confusa che lo scagiona da colpe;
(55′ Pogba 7): entra e cambia la partita per la Juventus. La sua fisicita’ e la sua tecnica a centrocampo si fano sentire, giocatore delizioso, un peccato lasciarlo fuori. Nel finale una leggerezza che permette a Muntari di riaprire la gara;
Barzagli 7: perfetto come sempre, Matri non la vede mai, quando e’ in serata, e difficilmente non lo e’, diventa un vero e proprio muro;
Bonucci 6,5: annulla Robinho. Qualche indecisione quando c’e’ da impostare, sfortunata la deviazione che riapre la gara nel finale;
Chiellini 7: un gladiatore. Il gol e’ il giusto premio per la volonta’ e la grinta che mette in campo;
Marchisio 6,5: sottotono il principino bianconero. Dal rientro post-inforunio ancora non ha trovato il giusto ritmo gara, mancano alla Juve i suoi inserimenti e naturalmente i suoi gol.
Asamoah 7: uno dei migliori, a tratti si e’ rivisto il vero Asamoah, quello straripante sulla fascia, va spesso al tiro mettendo in difficolta’ Abbiati;
Pirlo 7,5 un faro. Montolivo non riesce a contenerlo. Due punizioni incredibili, la prima va in rete, la seconda si stampa sulla traversa diventando un assist per Chiellini che insacca il 3-1;
Marchisio 6,5: Sottotono il principino bianconero. Dal rientro post-inforunio ancora non ha trovato il giusto ritmo gara, mancano alla Juve i suoi inserimenti e naturalmente i suoi gol;
(67′ Giovinco 7,5): entra e segna, la scelta di Conte e’ pagata. La formica atomica con un numero di prestigio mette a sedere la difesa rossonera e sigla il gol del 2-1 che lancia la Juventus alla vittoria;
Vidal 6,5: non il miglior Vidal, ma ci sta. E’ comunque sempre il vero guerriero di questa Juve, e’ l’anima bianconera;
Tevez 7: è ovunque, rincorre tutti. Un giocatore fantastico, tecnica e cuore, cosa volere di piu’? semplicemente perfetto;
Quagliarella 6: buona gara, tanto movimento e molta fisicita’ con Zapata e Mexes, ha pochissime occasioni per far male;
(85′ Llorente 6): entra e fa il suo, sta in campo troppo poco per incidire sul match;

All. Conte 7,5: purtroppo non si devono a lui gli errori che continuano a fare gli elementi della difesa. Questa volta da la carica giusta alla squdra, che pur sotto di un gol dopo 24 secondi reagisce alla grande schiacciando il Milan nella propria area. Bravo nel correggere in corsa la formazione, ed è azzecatissimo il cambio di Giovinco.

MILAN

Abbiati 5: colpevole in occasione del pareggio di Pirlo anche se vede partire in ritardo la palla calciata dal 21 bianconero. Buoni interventi su Asamoah e Pogba. Non puo’ nulla sugli altri due gol;
Costant 5,5: timido cerca di spingere, ma non sembra in serata;
Mexes 4: non dovrebbe terminare la gara per un bruttissimo pugno rifilato a Chiellini, si difende con esperienza, ma va in bambola con l’ingresso di Giovinco, e viene espulso giustamente per doppia ammonizione;
Zapata 5: si fa mettere a sedere da Giovinco in occasione del gol del 2-1 bianconero, ma rischia di pareggiare a tempo quasi scaduto;
Abate 5: spinge poco, si preoccupa di Asamoah che lo mette alle corde;
De Jong 6: recupera palloni importanti e fa da schermo alla difesa, quando c’e’ da impostare nascono i suoi veri problemi;
(86′ Poli ) sv.;
Montolivo 6: sprecato a rincorrere Pirlo, quando puo’ costruisce gioco e da geometrie ad un Milan carente di tecnica in mezzo al campo;
Nocerino 5: soffre il centrocampo bianconero, ma combatte come puo’, ma la mediana della Juve e’ superiore;
(72′ Njang 5): entra, ma non lascia segni importanti in questa gara;
Muntari 6: trova il gol del vantaggio senza nemmeno sapere come, ringhia su tutti in mezzo al campo e meriterebbe, forse, qualche cartellino, nel finale riapre la gara aiutato da una deviazione di Bonucci;
Matri 5: lotta come puo’, ma Barzagli lo annulla non facendogli mai vedere palla;
Robinho 5: si fa ipnotizzare da Buffon sull’1-1 dopodiche’ nulla da raccontare, annullato da Bonucci;
(76’Zaccardo 5): entra per sistemare la difesa dopo l’espulsione di Mexes, ma non si mette in evidenza;

All. Allegri 5: ha l’alibi delle assenze, ma quello che riesce a produrre la squadra è davvero poco al cospetto dei Campioni d’Italia, anch’essi privi di uomini chiave.

Giovanni Remigare