Juventus » esclusive » Livorno-Juventus, Conte: ”Su Barzagli dette inesattezze. Tante assenze, pochi alibi però. Vidal…”

Livorno-Juventus, Conte: ”Su Barzagli dette inesattezze. Tante assenze, pochi alibi però. Vidal…”

Antonio Conte (getty images)

Antonio Conte (getty images)

 

LIVORNO JUVENTUS CONTE – Conferenza stampa alla vigilia di Livorno-Juventus per il tecnico bianconero Antonio Conte. Vediamo alcune delle sue parole, riportate da Sportmediaset:

Su Barzagli e le assenze in difesa: ”Barzagli è tornato infortunato dalla Nazionale e quindi domani non sarà disponibile. Qualcuno ha fatto ironia su Barzagli a livello giornalistico e dispiace perché si vede solo cattiveria in chi scrive e dice fesserie, Andrea è un ragazzo serio. E’ difficile che sarà disponibile contro il Copenaghen. Per quanto riguarda Vidal, stiamo provando diverse soluzioni. Abbiamo un’organizzazione che regge anche all’eccezionalità dell’evento come questo. Abbiamo tanti indisponibili in difesa, ma non deve essere un alibi”.

Sul Livorno: ”Hanno un allenatore molto bravo, sappiamo che troveremo difficoltà anche perchè chi incontra la Juventus gioca la partita della vita. Solo la marcia della Roma sta offuscando quello che noi e Napoli stiamo facendo. Sappiamo che quest’anno dobbiamo fare di più per vincere il campionato, perché la concorrenza è più agguerrita”.

Su Pirlo: ”In questi anni ha fatto cose straordinarie, mi auguro continui a fare quello che ha fatto in questi due anni e in questo inizio di stagione. E’ un giocatore importante per noi, forte, un campione. Mi auguro che lui possa avere sempre la stessa fame e la stessa intensità. Quando dico ‘mi auguro ce lo conservino a lungo’ mi riferisco a tutti i punti di vista. E’ un campione e i campioni sono importanti per vincere”.

Sull’ipotesi dei bambini in Curva al posto degli ultras: ”A me dispiace che non ci siano i nostri tifosi. Sono il cuore pulsante dello stadio. In tutti i momenti ci sostengono, anche quando siamo in difficoltà. Non averli per due partite è un danno ingente, che subisce la squadra. C’è questa norma da rispettare, ne prendiamo atto, cerchiamo di capire dove si può fare meglio. L’iniziativa dei bambini in curva è sempre qualcosa di bello, ma mi piacerebbe che i bambini in curva fossero insieme ai tifosi. Ultras e bambini insieme, in un clima educativo. Tifando la propria squadra insieme”.

Marco Orrù