Juventus » esclusive » Mauro Suma, stoccata a Conte e difesa alla Juve sul caso della multa per i cori dei bimbi

Mauro Suma, stoccata a Conte e difesa alla Juve sul caso della multa per i cori dei bimbi

Juventus (getty images)

Juventus (getty images)

 

MAURO SUMA JUVENTUS – Il Direttore di Milan Channel Mauro Suma non passa settimana che non regali piccole accuse e stoccate alla Juventus, nel suo editoriale per Tmw. Stavolta però subentra in difesa del club bianconero sulla multa inflitta dal Giudice Sportivo per i cori dei bimbi in Juventus-Udinese, anche se non risparmia una frecciatina a Conte. Ecco cosa ha scritto Suma: ”Alla Juventus vanno solo applausi per aver portato i bimbi in curva, in occasione di Juventus-Udinese. Una scelta bella, fresca, aria nuova. Il vociare dei bambini ha fatto e farà tenerezza perché meritoriamente il Club bianconero ripeterà l’iniziativa in occasione di Juventus-Sassuolo. Bene. Ma sbaglia Antonio Conte a strumentalizzare. Quella multa di 5000 euro per quella scelta inopportuna di imitare la Curva dei grandi con la parolaccia ritmata al rinvio del portiere avversario, non è una multa alla Juventus. E’ una multa alla cultura sportiva di tutto il calcio italiano. Doveva essere data, perché ai bambini di qualsiasi squadra un deterrente educativo va dato, ma non è assolutamente una multa per colpire la Juventus. Diciamoci le cose come stanno: se qualsiasi altro Club avesse portato i bimbi nella Curva chiusa ai grandi, sarebbe accaduta la stessa cosa. E allora il Campionato lo ammetta e divida in parti eguali, 250 euro a testa, quella che è una multa all’Italia del calcio. Il m…. al rinvio del portiere avversario non lo fanno solo a Torino. Ma quello che colpisce è l’ininfluenza del gesto tecnico. Ma che emozione è? Ma che libidine è? Ma che sfogo è accompagnare con una parolaccia un rinvio del portiere che è un momento formale della partita e che non eccita mai niente e nessuno? Solo abitudine probabilmente, solo coreografia vocale. Ecco cos’è diventato il nostro calcio. E la multa ci sta e vale per tutti”.

Marco Orrù