Juventus » esclusive » Galatasaray, Felipe Melo: ”Juve, possiamo batterti. Rivincite da ex bianconero? Alla Juve…”

Galatasaray, Felipe Melo: ”Juve, possiamo batterti. Rivincite da ex bianconero? Alla Juve…”

Felipe Melo (getty images)

Felipe Melo (getty images)

 

GALATASARAY FELIPE MELO JUVENTUS – L’ex centrocampista della Juventus Felipe Melo è pronto alla sfida con la sua ex squadra, decisiva per il passaggio del turno. Per capire come vivono la gara da Istanbul, il brasiliano ha parlato in un’intervista a Tuttosport. Ecco le sue parole: ”Credo che ottenere un pareggio in trasferta contro una grande squadra come la Juventus, che da due anni vince il campionato e che nel suo stadio ha perso solo tre volte nelle ultime due stagioni e mezza, non può che lasciarti una grande soddisfazione e farti capire che sei forte e che puoi conquistare risultati importanti in questa competizione. Anche l’anno scorso in casa contro il Real Madrid abbiamo fatto un miracolo, battendoli e giocando molto bene. Sappiamo di essere tosti e di avere la possibilità di poter battere i bianconeri, ma sappiamo anche che la Juventus è troppo forte sia come collettivo, sia a livello di singoli. Voglia di rivalsa sulla Juve? Sinceramente nessuna. Sia il direttore generale che l’allenatore sono stati molto corretti con me. Dei veri professionisti. Parlai con Marotta e Conte, nell’estate 2011, ed entrambi furono correttissimi spiegandomi con schiettezza che non rientravo più nei piani della società e dell’allenatore. Non rimpiango nulla. Nemmeno che la Juve abbia cominciato a vincere dopo la mia partenza. Anzi, dopo che sono andato via pure io ho vinto tutto quello che si poteva vincere qui in Turchia e sono stato anche eletto miglior giocatore del campionato. Sono felice vedendoli di nuovo ai livelli di un tempo: negli ultimi due anni hanno conquistato due scudetti e due Supercoppe italiane e sono certo che vinceranno il titolo ancora perché sono i più forti. Se lo meritano i giocatori e pure i tifosi. Davvero, non ho nulla da rimpiangere”.

Marco Orrù