Juventus » Juventus news » Galatasaray-Juventus, Conte: “Usciti per colpa nostra, ma se il campo fosse stato normale…”

Galatasaray-Juventus, Conte: “Usciti per colpa nostra, ma se il campo fosse stato normale…”

Antonio Conte - Getty Images

Antonio Conte – Getty Images

GALATASARAY-JUVENTUS CONTE / ISTANBUL (Turchia)  – Ecco le parole di Antonio Conte ai microfoni di Sky Sport: “Abbiamo provato a farla rimandare questa partita, facendo una riunione col delegato Uefa per capire la pericolosità della partita. Quando siamo andati dal delegato ha interpellato Mancini che ha detto che era pericoloso e io ho detto la stessa cosa, a meno che sia sbagliata la mia pronuncia. Drogba a un certo punto mi ha detto che era la stessa cosa per tutte e due le squadre, io invece credo di no. Se giochiamo come sappiamo sarebbe stato diverso. I ragazzi li elogio, perchè hanno dato tutti su questo campo. Siamo stati danneggiati. Abbiamo sbagliato a ridurci all’ultima partita a giocarci la partita qui. Non puoi sapere cosa capita all’ultima partita e stavolta è capitato l’impossibile. Stiamo parlando di una qualificazione non giusta, ma ce la siamo complicata noi la vita complici anche eventi esterni. Tuffiamoci subito in campionato, questa delusione, perchè lo è, e dobbiamo fare bene. Pensiamo ora al campionato, poi penseremo anche all’Europa League, dove penseremo a fare il nostro meglio come in Champions. Dispiace, ma facciamo tesoro della Champions di quest’anno ma lo dovevamo fare dell’anno scorso. Non dimentichiamoci mai da dove arrivava questa squadra prima dei due scudetti. Penso che non abbiamo passato il girone per colpe nostre, riducendoci a giocarsi la qualificazione all’ultima gara dove è successo quello che non doveva succedere. Su un campo normale non sarebbe andata così. Il gol? Ci ritroviamo sul 3 contro 3 quando potevamo essere in superiorità numerica, la potevano creare anche Lichtsteiner e Asamoah. Lo stesso Paul (Pogba ndr) poteva non farli ripartire. Il 3 contro 3 è sempre pericoloso. Ma di cosa stiamo parlando? Abbiamo giocato una partita in un pantano. Ieri per l’arbitro era dangerous e ora non più. Questo non è calcio, oggi si è andati un pò indietro ai propositi che ci sono sempre. Cerchiamo di offrire spettacolo sempre, mentre oggi….”.