Juventus » esclusive » Juventus, Asamoah: “In Supercoppa a Pechino la mia partita più bella”

Juventus, Asamoah: “In Supercoppa a Pechino la mia partita più bella”

Kwadwo Asamoah - Getty Images

Kwadwo Asamoah – Getty Images

JUVENTUS ASAMOAH / TORINO – Il centrocampista della bianconero, Kwadwo Asamoah, ha risposto via twitter a tutte le domande dei suoi tifosi, Ecco le sue  risposte:

Come hai iniziato a giocare a calcio?

A casa con amici, dopo scuola. La prima partita ufficiale è stata con una squadra locale, il Depotivo.

Perché hai scelto il numero 22?

Ho visto che il 20 era già preso da Padoin, mentre il 22 che mi piace come numero l’aveva liberato Vidal.

Cosa hai provato quando hai saputo dell’interesse della Juve nei tuoi confronti? E quando hai firmato il contratto?

Ho provato ovviamente un orgoglio enorme, è stata una grande soddisfazione per me.

Qual è stata la tua miglior partita con la maglia della Juve finora?

Direi quella di Pechino, assolutamente! Giocai una grande partita.

Che sensazione hai provato quando hai segnato il tuo primo gol con la maglia della Juventus?

E’ stato bello, ero davvero contento anche perchè a parte il gol fatto ho aiutato la squadra a vincere la Supercoppa.

Chi è  il tuo migliore amico nella Juventus?

Mi trovo bene con tutti, ma Isla e Pogba sono le persone con cui vado al ristorante.

Hai qualche rito scaramantico prima della partita?

Prima di ogni gara prego molto, è il mio modo di entrare in partita.

Temi di più Conte arrabbiato o tua moglie arrabbiata?

E’ dura ma se devo proprio scegliere preferisco quando si arrabbia mia moglie.

Se tu non facessi il calciatore, che altra professione ti piacerebbe fare?

Direi che mi piacerebbe studiare per fare il businessman.

Secondo te, quali sono le chance del Ghana alla Coppa del Mondo in Brasile?

Il nostro primo obiettivo è quello di passare il turno, poi speriamo ovviamente di andare avanti!

Se tu avessi un desiderio, quale sarebbe?

Essere un grande uomo, e di essere in grado di prendermi cura della mia famiglia degli amici come meglio posso.

Descriviti in 3 parole.

Buono, umile e gentile.

Qual è la tua cosa preferita dell’Italia?

La gente. Sono stato in Italia per un lungo periodo di tempo, tutti quelli che ho incontrato sono stati davvero carini.

Presti attenzione agli sport americani come il basket o il football americano?

Mi piace il basket e i Miami Heat. Vorrei vedere il SuperBowl di Domenica, ma purtroppo è troppo tardi.

Chi è il tuo artista preferito al di fuori del calcio?

Amo la musica del Ghana e hip hop. Akon è uno dei miei preferiti.

Cosa fai per festeggiare dopo aver vinto una partita?

Di solito vado a casa, ma a volte vado a mangiare fuori con la mia famiglia o compagni di squadra. Andare in discoteca non è il mio genere!

Cosa pensi la prossima partita contro l’Inter?

Sarà una partita difficile, ma dobbiamo fare del nostro meglio per vincere. E’ importante per noi per rimanere davanti.

Qual è la squadra più forte contro cui hai giocato?

Real. Sono forti, ed era la mia prima volta che giocavo da terzino sinistro in una difesa a quattro.

Chi è l’idolo che ti ha spinto a giocare a calcio?

Ho sempre guardato la serie A quando ero più giovane e ho sempre ammirato Pirlo.

Cosa vorresti aggiungere al tuo gioco, se si potesse scegliere qualcosa?

Forse vorrei migliorare un po’ la tecnica, e potrei anche migliorare il mio tiro.

Preferisci avere la barba di Pirlo o capelli di Pogba?

Avere i capelli di Paul ma non così estremi!

Conosci il coro che ti cantano i tifosi? Ce lo canti?

Sono stonatissimo, ma va bene!

Finito lo spazio concesso ai suoi fans Kwadwo saluta: “Grazie a tutti!”.