Juventus » Juventus news » Le parole di Conte dopo Juventus-Parma

Le parole di Conte dopo Juventus-Parma

Antonio Conte (getty images)

Antonio Conte (getty images)

SERIE A JUVENTUS-PARMA CONTE / TORINO – Ecco le parole di Antonio Conte a fine gara ai microfoni di Sky Sport: “Tutti giocano alla morte con noi, quindi è un campionato allenante. Oggi è stata una vittoria bella e importante contro una squadra che veniva da 17 risultati consecutivi. L’avevamo battuti noi 1-0 all’andata e l’abbiamo rifatto oggi, non si fanno però 17 risultati utili consecutivi se non c’è qualcosa di buono dietro. E’ un momento per noi di grandissima emergenza e non ho parole per descrivere i ragazzi. Alcuni stanno giocando ogni tre giorni e non ho possibilità di farli rifiatare, meglio che evito polemiche sul turnover. Cerchiamo di recuperare quanto prima possibile gli infortunati, per portare a termine questo campionato che fin’ora è straordinario. Certo se fai record e non hai niente in mano serve a poco, quindi alla fine faremo i conti. Spesso questi ragazzi, incredibili, sorprendono anche me. Squalifica di Tevez? Oggi è stato fondamentale, due gol straordinari. Ora pensiamo a domenica contro il Napoli, non ci sarà Carlos ma ci sarà qualcun’altro. Cerchiamo di esaltare il singolo all’interno del gioco di gruppo. Siamo sereni, soprattutto dopo una vittoria contro una grandissima squadra. Non dimentichiamo che Chiellini aveva avuto un problema al polpaccio e gioca da sei partite consecutive, l’avevo fatto rifiatare a Genova fino all’arrivo di un altro infortunio. Questo è il momento peggiore di infortuni da quando sono arrivato a Torino come allenatore. Domenica scorsa avevo solo Asamoah e gli attaccanti in panchina. Oggi per fortuna è tornato Claudio Marchisio, così a centrocampo abbiamo altri utili. Riforme con meno squadre? Potrebbero aiutare a rifiatare un pò per tornare a essere competitivi anche in Europa. Guardate questo periodo in cui si gioca ogni tre giorni, è un problema. Ora pensiamo al Napoli e poi penseremo anche al Lione”.