Juventus » esclusive » Tacchinardi assicura: ”Non ci sarà un’altra Perugia”

Tacchinardi assicura: ”Non ci sarà un’altra Perugia”

Alessio Tacchinardi (getty images)

Alessio Tacchinardi (getty images)

 

DICHIARAZIONI TACCHINARDI JUVENTUS – Alessio Tacchinardi è stato uno dei protagonisti di quella famosa stagione conclusa con l’incredibile partita di Perugia che diede lo scudetto alla Lazio. In qualche modo, da casa Roma, in queste ore hanno invocato quella rimonta.

Ma l’ex centrocampista bianconero è sicuro: ”Io penso che questa volta non potrà esserci… un’altra Perugia – dice al Corriere dello Sport -. Non si doveva giocare quella partita. Quest’anno penso che la Juve di Conte vincerà lo scudetto, anche se la Roma sta disputando un campionato straordinario. A oggi non ci sono analogie rispetto a 14 anni fa, se la Juve uscirà indenne dalle prossime due partite sarà finita. Mi pare che abbia anche un calendario abbastanza facile da qui alla fine, ma se dovesse incontrare altri ostacoli allora il cammino diventerebbe in salita. Qualche speranza per la Roma da questo punto di vista c’è, anche perchè la Juve non sta attraversando un periodo di forma fantastico. Ma ha ancora tanti bonus a favore. Tra l’altro oggi ha anche l’impegno di Europa League con il Lione. Se la Juve riuscirà a gestire bene anche il doppio impegno allora è finita. Ma se lunedì non dovesse vincere contro il Livorno può rischiare. A oggi dico che non dovrebbe correre rischi, ma martedì potrebbero cambiare gli scenari. Se lunedì sera dovesse ritrovarsi con sole sei lunghezze di distacco a quel punto subentra l’ansia. E’ incredibile pensare che hanno la Roma ancora così vicina con tutte quelle vittorie. Diventerebbe una situazione delicata da gestire a livello di testa». Perchè il cammino fatto dalla Juve fin qui, secondo Tacchinardi, resta straordinario: «Non c’è dubbio, ha dominato il campionato. Ma adesso si trova davanti a una linea sottile, oltre la quale può vincere o può vedere crollare tutto. Io penso che ce la farà, ma esiste la possibilità che cada e se cadi a questo punto diventa dura”.

Marco Orrù