Juventus » diretta live » Post-Partita » Cesena-Juventus: pagelle del match

Cesena-Juventus: pagelle del match

Marco Storari (getty images)

Marco Storari (getty images)

NEWS CESENA-JUVENTUS PAGELLE / CESENA – Ecco le pagelle del match:

CESENA Leali 7 (65′ Agliardi sv); Volta 6 (60′ Magnusson 6), Perico 6, Capelli 6.5 (86′ Mordini sv), Lucchini 6; Defrel 6.5, De Feudis 6, Cascione 7 (80′ Yabrè sv), Ze Eduardo 5.5 (45′ Garritano 5) (79′ Moncini sv), Renzetti 6.5 (60′ Krajnc 6); Djuric 6.5 (60′ Rodriguez 6), Defrel 6 (45′ Tabanelli sv). All. Bisoli 7

JUVENTUS

Storari 7: dimostra subito di essere all’altezza del compito con un grande intervento su Defrel. Buffon può prendersela comoda
Sorensen 6,5: non sfigura al cospetto dei due big della difesa;
Bonucci 6,5: solido in difesa, ma prova la sortita anche in avanti;
(45′ Marrone) 5.5: una indecisione, ma contribuisce a blindare la difesa nel finale;
Chiellini 6,5: già in forma campionato, non deve affannarsi per controllare gli attacchi avversari;
(45′ Ogbonna) 6: cerca di farsi notare dal neo mister per scongiurare la sua partenza da Torino;
Lichtsteiner 6: e’ già con la testa al campionato, come dimostra il suo arrabbiarsi dopo una decisione arbitrale;
(45′ Asamoah) 6: non concede nulla dalle sue parti;
Padoin 6: senza infamia e senza lode;
Pirlo 7: Non c’è più Conte, ma è il solito Pirlo. Distribuisce gioco e va anche alla conclusione. Quando esce si nota la differenza;
(45′ Marchisio) 6: tanta corsa e abnegazione;
Pereyra 6: buoni spunti, ma anche alcune indecisioni al momento di chiudere l’azione;
(66′ Coman) 6.5: appena entrato si fa subito notare;
Motta 6: mostra duttilità nel sapersi giostrare sia a sinistra che a destra;
(80 Vitale sv)
Giovinco 6: il solito Giovinco che sguscia tra gli avversari, conquista falli, ma le conclusioni latitano;
(66′ Spinazzola) 6: mostra verve e voglia di mettersi in mostra;
Llorente 5.5: lontano parente dal “Re Leone” che ci eravamo abituati a vedere
(80′ Buenacasa) sv

All. Allegri 6: la seconda prova stagionale è un passo avanti nella preparazione bianconera. Ma la Juve di Allegri sembra che abbia paura di attaccare per non rischiare di prendere gol. Buona la fase difensiva, ma in attacco le soluzioni offensive latitano. Non bocciato , ma lontano dall’essere promosso.