Juventus » Juventus news » LIVE 06/09/14 – Segui la giornata della Juventus in tempo reale

LIVE 06/09/14 – Segui la giornata della Juventus in tempo reale

Juventus (getty images)

Juventus (getty images)

 

LIVE JUVENTUS – Segui la giornata della Juventus in diretta live, tutti gli aggiornamenti dal mondo bianconero

Luciano Moggi

23.30 – NEWS JUVENTUS ROMA MOGGI L’ex dg della Juventus, Luciano Moggi, ha rilasciato un’intervista riportata su adnkronos.com in cui parla di Scudetto e questione stadio: “La Roma non ha fatto una grande campagna acquisti, come dicono molti. Iturbe è un buon giocatore e può far parte di un ciclo vincente, ma insieme con Gervinho rischia di far fatica. Con due esterni di questo tipo, la Roma rischia di soffrire se gli avversari non concedono 30 metri di campo aperto. Alla Roma, piuttosto, sarebbe servito un attaccante centrale. Con l’organico attuale, la formazione allenata da Rudi Garcia è in prima fila per lo scudetto ed è destinata a lottare con la Juventus, che va a caccia del quarto titolo. La Juve ha inserito ricambi senza porsi il problema di aggiungere un difensore, probabilmente non lo ha ritenuto necessario. La Juve non ha ceduto nessuno e può ipotecare uno dei primi due posti. Questione stadi? Sento dire che la città di Torino regalò lo stadio alla Juventus. Noi, all’epoca, pagammo. In Italia si fa fatica a costruire stadi perché molti vorrebbero lo stadio gratis. Non è normale. e non è nemmeno normale che uno, per costruire uno stadio, debba fare anche le stazioni“.

Claudio Marchisio (getty images)

23.00 – DAL CAMPO JUVENTUS MARCHISIO La Juventus ha effettuato un allenamento incentrato sul lavoro fisico,  in vista della ripresa del campionato contro l’Udinese di Stramaccioni. Nel gruppo si è allenato regolarmente Claudio Marchisio, reduce dalla buona prestazione in Nazionale, ma tornato anzi tempo per la squalifica che lo costringerà a saltare la Norvegia. La ripresa degli allenamenti per i bianconeri è prevista per lunedì, quando saranno rientrati anche i nazionali. A oggi è ancora impossibile stialre una formazione, ma per Allegri sarà complicato mettere a punto il reparto arretrato, con Chiellini e Marrone infortunati e con Barzagli sulla via del recupero, ma che difficilmente verrà rischiato contro i friulani.

Andrea Stramaccioni - Getty Images

22.35 – NEWS JUVENTUS-UDINESE STRAMACCIONI Il tecnico dell’Udinese ed ex Inter, Andrea Stramaccioni, al termine del test amichevole contro il Celje vinto 5-1 dalla sua squadra ha risposto in merito al prossimo impegno di campionato contro la Juventus. Ecco le sue parole riportate su Calcionews24.com: “Affronteremo i campioni d’Italia che non si sono affatto indeboliti come qualcuno sostiene. Hanno dimostrato contro il Chievo le loro potenzialità. Stanno lavorando con stimoli nuovi. Da parte mia, aspetto da lunedì che rientrino i nazionali, mi dispiace che l’anticipo ci penalizza molto con Badu che rientrerà di fatto solo venerdì dall’impegno con la sua Nazionale”.

Gigi Buffon (getty images)

22.15 – NEWS ITALIA BUFFON Ecco le dichiarazioni rilasciate da Gigi Buffon nella conferenza stampa dopo la partita vittoriosa contro l’Olanda e in vista del match contro la Norvegia: “Contro l’Olanda è stata una bella prestazione e anche un po’ inaspettata. E’  stato un buon test per la nostra concentrazione, anche perchè negli ultimi tempi le amichevoli sono sempre state insidiose per l’approccio di gara. Possiamo dire di essere  stati bravi. Sfogo dopo l’eliminazione dal Mondiale? Eravamo tutti sotto choc, e le reazioni a caldo potevano assumere un’importanza più elevata di quello che realmente avevano. Detto questo avevo solo riportato un pensiero mio che era fondato sui fatti. Non era uno scontro generazionale, ma un modo per valutare il vero valore dei giocatori fondato sulla meritocrazia, indipendentemente dall’età. Lotito negli spogliatoi? Se c’è una persona che è vicino alla squadra o alle istituzioni non vedo cosa ci sia di male, noi giocatori, dopo i risultati modesti da cui veniamo, dobbiamo solo pensare ai risultati. Analogie con il Conte della Juve? Sono molte, alla fine il Conte che si è presentato alla Juventus è il medesimo che è rimasto nei successivi tre anni. E’ un continuo di quello là, i concetti calcistici che ha e il modo che ha di trasmetterli lo rende unico e speciale. Come dico sempre ci vuole una squadra che dia la massima disponibilità ad accettare ogni tipo di proposta. E penso anche che ci siano dei momenti nei quali è un qualcosa di dovuto dare la disponibilità, soprattutto quando si viene da risultati deludenti”. Nostalgia di Conte non più alla Juve? Penso che i clicli siano destinati a finire o a non dare più risultati o a non dare lo stesso entusiasmo che li ha caratterizzati. Se il mister ha fatto quella scelta, in maniera serena si è reso conto che qualcosa era cambiato e saremo andati incontro a qualche difficoltà in più. Se lo ritroviamo qua è perché ha la piena convinzione di fare qualcosa di straordinario, proprio per la maturità dell’uomo e del professionista, perché se lui non crede al 100%, non intraprende un’avventura. Zaza è uno da Juve? Non mi sorprende, mi è sempre piaciuto tantissimo, ma ora cerchiamo di tutelarlo. In che cosa sei migliorato e peggiorato negli anni? Ho acquisito la sicurezza di sentirmi forte in qualsiasi competizione, sia che giochi campionato, Champions, un Europeo o un Mondiale. Sicuramente migliori dal punto di vista dell’esperienza, perché valuti prima certe situazioni di gioco e non fai errori. Però perdi un po’ i riflessi, e l’entusiasmo che hai a 17/18 anni non è lo stesso che hai a 40 anni. Conte lavora più di chiunque sulla tattica? Io ho avuto anche Sacchi e sicuramente lui e Conte sono i più pignoli. E’ un loro credo, se poi arrivano i risultati non c’è possibilità di cambiamento. Anche i giocatori quando si trovano di fronte a risposte confortanti vengono rapiti dal meccanismo”.

Andrea Agnelli (getty images)

21.35 – NEWS ITALIA JUVENTUS Nella giornata di oggi si è scatenato un vero putiferio in merito alla decisione della Juventus di riportare a Torino Chiellini in quanto infortunato. Dopo l’attacco del team manager della Nazionale, Lele Oriali, è arrivata pronta, attraverso il proprio sito ufficiale, la risposta della società bianconera: “Dopo le confuse vicende odierne relative al rilascio dalla convocazione in Nazionale di Giorgio Chiellini, Juventus Football Club desidera ribadire il proprio impegno a collaborare con la Federazione Italiana Giuoco Calcio, come storicamente avviene da più di un secolo. Il comunicato relativo al giocatore emesso ieri sera e le allusive dichiarazioni del team manager, Gabriele Oriali, pronunciate oggi pomeriggio, non cambiano questo orientamento che, tuttavia, non può entrare in aperto contrasto né con il buon senso, né con le esigenze di recupero di un giocatore infortunato e non utilizzabile nella partita di qualificazione in Norvegia, momento conclusivo del ritiro della compagine Nazionale“.

Giorgio Chiellini - Getty Images

21.20 – NEWS ITALIA JUVENTUS CHIELLINI ORIALI – E’ scoppiata la polemica tra la Federazione e la Juventus in merito alla situazione riguardante Chiellini. Il team manager della Nazionale, Gabriele Oriali, ha voluto esternare tutto il suo disappunto, ecco le sue parole riportate su Tuttosport.com: “Dispiace che Chiellini sia dovuto andare via, c’è un nuovo Ct, lui lo ha avuto per 3 anni, conoscendo le sue metodologie sarebbe potuto essere utile ai compagni. La Juve però ha cambiato idea e ha chiesto la presenza del giocatore a Torino, a noi non è restato che attenerci al regolamento. Spiegazioni ufficiali? Non le abbiamo chieste, non ce le hanno date, l’hanno rivoluto in sede, non so i motivi, forse per recuperarlo prima anche se qui in Nazionale ci sono medici e fisioterapisti molto bravi. Tenere qui Chiellini non è stata una richiesta di Conte, l’idea era partita da tutti, ne aveva parlato anche il dott. Castellacci. Se questo dietrofront debba essere visto come una sorta di sgarbo della Juve a Conte? Questo traducetelo voi… Di certo il giocatore era dispiaciuto di non restare in ritiro e di non venire a Oslo con la squadra, ha grande attaccamento per la maglia azzurra, è un esempio come Buffon, De Rossi e Pirlo”.

Beppe Marotta - Getty Images

20.55 – CALCIOMERCATO JUVENTUS JOHNSON La Juventus, malgrado il mercato sia chiuso, continua incessantemente alla ricerca di giocatori in grado di migliorarla pur non spendendo enormi cifre. L’ultima ideaè quella che porta all’esterno destro del Liverpool, Glen Johnson. Secondo quanto riportato dal Daily Mail, la società bianconera si sarebbe mossa per convincere il giocatore a firmare un pre-contratto nel mese di gennaio, visto che quello in essere scade nel giugno 2015 e il Liverpool avrebbe dato il permesso al giocatore di poter contattare altri club.

Giorgio Chiellini (getty images)

20.30 – NEWS ITALIA JUVENTUS CHIELLINI In un primo momento la Federazione aveva rilasciato un comunicato che il difensore della Juventus, Giorgio Chiellini, pur infortunato e quindi impossibilitato a prendere parte al match contro la Norvegia, sarebbe rimasto nel gruppo azzurro. Ma poi c’è stato un dietro front, con il Chiello lasciato partire per mettersi subito a disposizione della squadra bianconera. Ecco il comunicato della Federazione che spiega il perchè di questo cambio di programma: “Il difensore Giorgio Chiellini, indisponibile per la gara di qualificazione a EURO 2016 contro la Norvegia, in programma martedì prossimo a Oslo, su richiesta del proprio club di appartenenza farà rientro a Torino nel pomeriggio di oggi“.

Alessio Tacchinardi (getty images)

14,15 – TACCHINARDI – Alessio Tacchinardi, in un’intervista al Corriere dello Sport, ha parlato di Paul Pogba e del suo straordinario periodo di forma. Ecco le sue parole: ”E’ cresciuto in maniera devastante. Sin dalla prima partita, ho pensato fosse un giocatore fuori dal comune, capace come pochi di fare un calcio facile per coordinazione, tocco di palla e tiro in porta, mai in difficoltà e mai sotto pressione. L’aspettavo leader, però, fra un paio di anni: ha bruciato le tappe. E’ assurdo che lo United se lo sia lasciato scappare, certe qualità sono innate: penso che Pogba sia un Varenne e non puoi non accorgerti subito di avere un puledro di razza mondiale. Complimenti a Marotta che l’ha portato via a parametro zero. Sarebbe esploso ovunque, ma l’ambiente Juve l’ha aiutato senz’altro: poco cinema, “sei bello e sei bravo”, ma bastone e bastone, anche quando fai cose pazzesche. Tenerlo è stato un miracolo. E tenerlo per tanto tempo sarà un miracolo. La società bianconera è perfetta per lui, ma in Europa girano cifre assurde: penso che uno come Paul valga minimo 80 milioni, ma chi lo prende ha le chiavi del centrocampo per i prossimi dieci anni”.

Zlatan Ibrahimovic (getty images)

13,50 – IBRAHIMOVIC – Zlatan Ibrahimovic ha raggiunto il record di segnature con la maglia della Svezia due giorni fa con la doppietta contro l’Estonia. 50 gol per lui in maglia gialloblu. A La Gazzetta dello Sport ha parlato di come è diventato un cannoniere, citando la sua esperienza con Capello alla Juventus. Ecco le sue parole: ”Sono diventato un capocannoniere quando ho incontrato Capello. E poi, con gli anni, ho segnato sempre di più. Quando Capello era alla Juventus un giorno mi ha fatto vedere un video con i gol più belli di Marco van Basten, e mi ha detto: “Devi fare così”. Ero giovane e ho imparato da quella antologia del calcio. Da quel giorno ho cominciato a segnare come fanno i grandi”.

Enrico Preziosi (getty images)

13,30 – PREZIOSI – Enrico Preziosi qualche settimana fa, in occasione dell’elezione del Presidente Federale, ha avuto qualche battibecco col Presidente della Juventus Andrea Agnelli. In un’intervista a La Gazzetta dello Sport il numero 1 del Genoa tende la mano al collega: ”Abbiamo avuto un battibecco vivace, ma amplificato, che per me faceva parte della normale dialettica politico-sportiva. Lo considero una grande persona, spero un giorno di potermi chiarire in un contesto più tranquillo”.

Juventus (getty images)

13,15 – GASTON SILVA – Il neo difensore del Torino Gaston Silva è stato presentato in maglia granata e dalle sue prime parole ha lanciato la sfida alla Juventus. Ecco cosa dice l’uruguaiano: ”Su di me c’era anche l’Interesse di Juventus e Inter, ma ho scelto di vestire la maglia granata assieme al mio procuratore che mi ha parlato bene di questa società e di questa squadra”.

Beppe Marotta (getty images)

12,50 – DANI ALVES – Dalla Spagna, precisamente dal portale ‘Fichajes.net’, affermano che la Juventus, insieme a Psg e Monaco è sulle tracce di Dani Alves, il formidabile terzino destro del Barcellona e della Nazionale brasiliana. Il giocatore è in scadenza di contratto col Barça e probabilmente non rinnoverà. Un affare dunque a parametro zero che la Juve sta valutando per la prossima stagione. Ricordiamo che Dani Alves è un classe ’83.

Adrien Rabiot (getty images)

12,25 – RABIOT – Adrien Rabiot si avvicina più alla Roma e si allontana un pò di più dalla Juventus. Il centrocampista del Psg, escluso dalla lista Champions dal tecnico Blanc e ormai fuori dal progetto del club francese, è ormai un separato in casa. La Roma non ha voluto affondare il colpo adesso in quanto in mezzo al campo è già coperta e aspettando a gennaio potrebbe ottenere uno sconto sul cartellino del ragazzo. La Juve dal canto suo aspetta il giocatore a parametro zero, ma difficilmente arriverà a scadenza a fine stagione senza essersi accasato altrove.

Paul Pogba (getty images)

12,05 – POGBA – Paul Pogba è in grande forma in questo inizio di stagione e l’ha dimostrato sia con la Juventus sia con la Nazionale francese. Dopo il match amichevole con la Spagna, il centrocampista ha parlato del suo futuro alla Juventus: ”Sono rimasto alla Juventus. E la Juve di Allegri potrà fare grandi cose. E’ una bella squadra. Coman? E’ un calciatore fantastico, dotato di un potenziale unico. Saprà dare un contributo positivo ala Juventus”.

Simone Zaza (getty images)

11,45 – ZAZA – La Juventus non è rimasta indifferente alla prestazione in Nazionale di Simone Zaza contro l’Olanda. Una strepitosa gara dell’attaccante del Sassuolo, su cui i bianconeri avevano scommesso un anno fa, dopo la straordinaria stagione con l’Ascoli in Serie B. E’ vero che durante questa sessione di mercato il giocatore è stato ceduto a titolo definitivo al Sassuolo, ma con una sorta di ‘clausola di recompra’, come quella che ha il Real Msdrid con la Juventus su Morata. Tuttosport afferma che se la Juve vorrà riprendersi il ragazzo lucano dovrà sborsare 15 milioni di euro entro il 2015, o 18 se aspetterà il 2016. Addirittura si parla di un suo arrivo già nel prossimo gennaio se dovesse continuare a fare bene. Si vedrà, ma Zaza rimane in orbita Juve.

Antonio Conte e Carlo Tavecchio (getty images)

11,20 – TAVECCHIO – Dopo la splendida partita dell’Italia di Antonio Conte contro l’Olanda, è riscoppiato l’amore per la Nazionale. Merito dell’ex allenatore della Juventus e di Carlo Tavecchio che l’ha scelto. Il neo Presidente federale a La Gazzetta dello Sport, ha parlato del tecnico salentino: ”Siamo partiti col piede giusto. Abbiamo avuto conferma che Antonio Conte c.t. è stata un’ottima scelta. Questo allenatore è anche un motivatore e creerà le condizioni per riortare la nostra Nazionale sul podio che merita. Ha già dato un gioco, ha entusiasmato i tifosi. Con la Norvegia non sarà un’amichevole e bisognerà impegnarsi di più, ma con Conte questo problema non si pone. Quando suona l’inno di Mameli, bisogna sentire i brividi nella schiena. A Conte abbiamo un fatto un contratto che in Italia nessuno aveva mai previsto. Abbiamo ottenuto un contributo consistente dall’estero: mandano valuta in Italia, pagano le tasse in Italia. Più corretti di così…”.