Juventus » Juventus news » LIVE 30/09/14 – Segui la giornata della Juventus in tempo reale

LIVE 30/09/14 – Segui la giornata della Juventus in tempo reale

Juventus (getty images)

Juventus (getty images)

 

LIVE JUVENTUS – Segui la giornata della Juventus in diretta live, tutti gli aggiornamenti dal mondo bianconero:

16.30  – CALCIOMERCATO GABBIADINI SUAREZ / MADRID (Spagna) – E’ clamorosa la voce riportata questa mattina da Tuttosport. L’Atletico Madrid sarebbe pronto a offrire il cartellino di Mario Suarez, centrocampista di grande qualità, per arrivare a Manolo Gabbiadini. Se ne potrebbe parlare domani sera dopo la gara del Calderon.

Diego Pablo Simeone (getty images)

15,15 – SIMEONE ATLETICO MADRID – Conferenza stampa alla vigilia di Atletico Madrid-Juventus per il tecnico degli spagnoli Diego Pablo Simeone. L’ex giocatore di Lazio e Inter ha caricato di significati questo match: ”Sarà come una finale, ma siamo una squadra competitiva con grandi giocatori. Ogni partita è diversa e vedrò chi far giocare, abbiamo diverse possibilità – riporta Sportmeidaset –. La Juve è solida e ha pochi punti deboli, servirà una gara di altissimo livello per vincere. La affrontiamo con il massimo rispetto come merita una squadra così blasonata. Mi piace il lavoro fatto negli anni dalla Juve, si nota il grande lavoro dietro alle vittorie. Ripeto, ho molto rispetto e ammirazione. Penso che la Juve non giocherà di contropiede, approfitta molto degli spazi e recupera bene il pallone. Tevez e Llorente spingono bene sulla fascia ma hanno bisogno di sentirsi vicini i giocatori del centrocampo”. Tevez? Sappiamo che è un giocatore straordinario, si muove molto tra le linee. Nel gioco corto è molto difficile da controllare. Il segreto sarà non lasciarlo pensare e non fargli ricevere palloni”. 

Massimiliano Allegri (getty images)

15,00 – JUVENTUS CONVOCATI – Out Pirlo, in Caceres. Era questo il dubbio maggiore delle convocazioni di Max Allegri per la sfida contro l’Atletico Madrid di domani. Il regista bianconero non ce la fa e deve rinviare il suo ritorno. Recupera invece l’uruguaiano, anche se non è certo se giocherà titolare o lascerà spazio a Ogbonna. Fuori anche Romulo, Marrone e Barzagli. Ecco l’elenco completo:

1 Buffon
3 Chiellini
4 Caceres
5 Ogbonna
6 Pogba
7 Pepe
8 Marchisio
9 Morata
10 Tevez
11 Coman
12 Giovinco
14 Llorente
19 Bonucci
20 Padoin
22 Asamoah
23 Vidal
26 Lichtsteiner
30 Storari
33 Evra
34 Rubinho
37 Pereyra
38 Mattiello

Romulo (getty images)

14,45 – ROMULO JUVENTUS – Non si può certo dire che Romulo abbia avuto fortuna nella prima parte della sua esperienza alla Juventus. Il giocatore si portava dietro un infortunio che gli ha impedito di fare la preparazione al meglio, saltando di fatto le prime partite. Quando sembrava ormai arrivato il suo momento, ecco un altro infortunio che lo terrà fuori dai campi per un altro mese. Come comunica il sito ufficiale bianconero, ”il giocatore è stato sottoposto ad un intervento chirurgico per ernia da sport bilaterale. L’operazione, effettuata dalla dott.ssa Mushaweck in una clinica di Monaco, è stata seguita direttamente dal dott. Andrea Causarano ed è tecnicamente riuscita. Il calciatore verrà dimesso nella giornata di domani, ed il tempo di recupero agonistico è previsto di trenta giorni”.

Claudio Marchisio - Getty Images

14,30 – CALCIOMERCATO MARCHISIO – Claudio Marchisio va verso il rinnovo di contratto. Dopo le voci delle scorse settimane, ora anche la BBC ha parlato del futuro del centrocampista della Juventus, sempre più verso la permanenza alla Juventus fino a fine carriera. Il Principino ha il contratto che scade nel 2016, ma gli verrà allungato e migliorato economicamente fino al 2019. Respinte al mittente le ultime offerte pervenute, compresa quella del Monaco di 25 milioni di euro.

Pavel Nedved (getty images)

14,10 – NEWS GIUDICE SPORTIVO – Nella mattinata di oggi il Giudice Sportivo di Serie A ha emesso le proprie sentenze a riguardo della 5^giornata del campionato. Nessun squalificato per la Juventus, ma la particolarità della multa di 5000 euro comminata a Pavel Nedved ”per avere, al termine della gara Atalanta-Juventus, negli spogliatoi, rivolto all’Arbitro un’espressione ingiuriosa”.

Arrigo Sacchi (getty images)

13,55 – SACCHI JUVENTUS – Arrigo Sacchi, intervistato da Tuttosport, dall’alto della sua esperienza anche nel campionato spagnolo, manda qualche consiglio alla Juventus in vista del match contro l’Atletico Madrid. Ecco le sue parole: ”Che tipo di squadra è questo Atletico? Molto brava tatticamente, compatta, abile nelle chiusure preventive. Le seconde palle sono quasi sempre loro, ciò dimostra che sono davvero ben organizzati. Raddoppiano in continuazione e sono pericolosissimi sui calci da fermo e nelle ripartenze. Anche se…gli manca Diego Costa, ora al Chelsea. E’ un attaccante che fa reparto quasi da solo, mentre Mandzukic è più finalizzatore. Ancora una volta hanno venduto i migliori, a Simeone servirà un po’ di tempo per trovare nuovi equilibri. La Juventus è superiore all’Atletico come qualità individuale, non c’è dubbio. Simeone ha perso giocatori fondamentali come Courtois, Filipe Luis e Diego Costa. I bianconeri, al contrario, i campioni li hanno tenuti tutti. E hanno aggiunto Pereyra, che mi sembra un gran bel giocatore”. Che tipo di gara dovrà impostare la Juventus? Se vuoi creare dei danni all’Atletico, devi portargli la battaglia in casa. Affrontarli con le loro armi, attaccando. La Juve dovrà attuare un pressing in stile Atletico, con un gioco aggressivo. In Europa è un’altra storia rispetto al nostro campionato. Se giochi tre difensori contro tre attaccanti va bene, ma regalare un uomo dietro no, perchè poi ne hai uno in meno davanti. E la moltiplicazione dei pani e dei pesci è riuscita soltanto a uno…Contro l’Atalanta, però, ho visto i bianconeri in crescita, più aggressivi. Un ottimo segnale in vista di Madrid”.

Tiago (getty images)

13,35 – TIAGO JUVENTUS – Nel match contro l’Atletico di Madrid di domani, la Juventus si ritroverà di fronte il centrocampista Tiago, 53 presenze con la maglia bianconera tra il 2007 e il 2010. Con la Juventus il portoghese non ha avuto fortuna, mentre solo all’Atletico hanno visto il vero Tiago. Queste le parole del giocatore, riprese da Tuttosport: ‘‘In due anni in Italia non ho capito cosa volevano da me. Quando sono arrivato in Spagna, Quique Flores mi ha dato grande fiducia. E’ per questo che sono voluto rimanere qui a ogni costo. Le mie caratteristiche non sono adatte al calcio italiano, troppo tattico. Molto meglio la Premier e la Spagna, dove la tecnica del giocatore viene prima”. Insomma, per Tiago nessuna nostalgia dell’Italia e della Juventus…

Francesco Totti (getty images)

13,15 – TOTTI ROMA JUVENTUS – Il Capitano della Roma Francesco Totti, intervistato dal canale sportivo di al Jaazira in Francia, BeinSport, vede ancora la Juventus davanti alla sua Roma in campionato, in quanto i bianconeri sono ancora più forti delle ultime stagioni. Queste le parole di Totti: ”Gli obiettivi? Scudetto, Champions e Coppa Italia, anche se questa è meno importante, è sempre una coppa. La Juve – riporta Sportmeidaset – è campione in carica, non ha venduto, si è rafforzata. Noi siamo in questo momento la seconda squadra, quella da battere è la Juve, anche se noi sappiamo di avere grandi potenzialità”. 

Giovanni Malagò (getty images)

13,00 – MALAGO’ JUVENTUS – L’episodio del bambino juventino di Bergamo, a cui è stata fatta coprire la maglia di Tevez all’entrata dello stadio Atleti Azzurri d’Italia sabato in occasione di Atalanta-Juventus, non è certamente piaciuto a nessuno. Nemmeno al Presidente del CONI Giovanni Malagò. Queste le sue parole: ”Non mi sembra normale, è assolutamente una cosa non accettabile. Lo hanno obbligato a coprirsi, esattamente quello che non si deve fare. Non mi va di essere ipocrita, paradossalmente se un bambino si presenta da solo e va in una curva dove ci sono tutti gli altri forse è anche giusto che uno gli consigli che forse non è il caso. Ma il bambino mi sembra che stesse con altre sei persone tra cui gli adulti e due avevano la maglietta dell’Atalanta”.

Juventus (getty images)

12,30 – JUVENTUS A.MADRID PROBABILI FORMAZIONI – Siamo alla vigilia di Atletico Madrid-Juventus, match fondamentale per il proseguo del cammino in Champions League dei bianconeri. Sì, perchè una vittoria al Calderon, oltre a dare una grande autostima alla squadra, farebbe rimanere a quota zero la scorsa finalista della Champions. Il match è davvero aperto a qualsiasi risultato.

Per quanto riguarda la formazione, dovrebbe essere confermata la coppia Llorente-Tevez in attacco, con Marchisio ancora vice-Pirlo e Pogba-Vidal ai suoi lati. L’unico vero dubbio è in difesa, ma difficilmente Caceres recupererà, quindi confermato Ogbonna. L’Atletico invece sarà senza Cerci, fuori forma, ma Simeone ha Mandzukic in ottima forma. Ecco le probabili formazioni del match:

JUVENTUS (3-5-2): Buffon; Ogbonna, Bonucci, Chiellini; Lichtsteiner, Vidal, Marchisio, Pogba, Asamoah; Llorente, Tevez. All.: Allegri.

ATLETICO MADRID (4-2-3-1): Moyà; Juanfran, Miranda, Godin, Ansaldi; M.Suarez, Tiago; A.Turan, R.Garcia, Koke; Mandzukic. All.: Simeone

Alvaro Morata (getty images)

12,10 – MORATA JUVENTUS – L’attaccante della Juventus Alvaro Morata tornerà a giocare in Spagna, nella sua Madrid, dopo aver lasciato il Real la scorsa estate. Intervistato dal programma ‘Primer Toque’ dell’emittente Onda Cero, in Spagna, il giocatore ha dichiarato: ”Sara’ una partita molto dura, ma sfidiamo l’Atletico con l’intenzione di vincere. Il mio passato al Real? Al Real c’erano cinque o sei prima di me. Io cercavo di sentirmi importante dentro la squadra, volevo che l’allenatore mi desse fiducia. Ma sono andato via dal Real totalmente grato al club, grazie alla cantera e al Real sono un giocatore da Serie A. E’ stata un’estate complicata per me, sono stati mesi duri quelli mentre aspettavo l’arrivo alla Juventus. Da quando pero’ la Juve mi ha chiamato non ho avuto dubbi. E’ stata la prima squadra a interessarsi a me. Il ‘diritto di recompra’? Al momento sono alla Juve, poi si vedra’”.

Alessandro Del Piero (getty images)

11,50 – DEL PIERO JUVENTUS – Intervistato dal quotidiano madrileno ‘Marca’, l’ex capitano della Juventus Alessandro Del Piero ha parlato della sfida tra l’Atletico Madrid e la Juve di domani. Alex vede favorita la squadra di Simeone. Ecco le sue parole: ”L’Atletico è favorito, lo dicono i numeri. Rappresenta una squadra da imitare, un esempio per le società italiane. Ha un grande allenatore come Simeone, intelligente e perfezionista. Llorente? Ha un gran fisico ed intelligenza tattica. Morata è un talento. L’addio di Conte? Era giusto se ne andasse, era finito un ciclo”.

Zdenek Zeman (getty images)

11,30 – ZEMAN JUVENTUS – Zdenek Zeman, sulla scia della vittoria contro l’Inter, sta partecipando a diverse trasmissioni televisive in questo periodo. Ieri sera, ospite a Tiki Taka, ha avuto modo di battibeccare col tifoso bianconero doc Giampiero Mughini sulla questione doping e Calciopoli legata alla Juventus. Queste alcune parole del boemo: ”Io sono nato juventino – riporta sportal.it -, sono nato nel 1947 e mio zio (Cestmir Vycpalek, ndr) nel 1946 è stato acquistato dalla Juventus. Per tanti anni ho indossato la maglia bianconera dormendoci. Voi però non riuscite a distinguere tra chi ha fatto bene e chi ha fatto male. Non importa che queste persone lavorassero per la Juventus, fossero state in altri club sarebbe stato lo stesso. Ma ci sono state persone che hanno fatto male al calcio in generale e italiano in particolare”. Pronta la risposta di Mughini: ”Penso che Luciano Moggi abbia fatto benissimo alla Juventus e al calcio italiano, tanto è vero che la Nazionale campione del mondo era composta interamente da quella bianconera“.

La questione passa poi al doping: ”Per voi Calciopoli non esiste e i farmaci non esistono’‘, attacca Zeman, ”Se avessero frugato negli armadietti di tutte le società italiane avrebbero trovato quella roba lì, farmaco più farmaco meno. Ma hanno frugato negli armadietti della Juventus, che rispetto ad altre piazze suscita inchieste, cortei e clan. E lo dico con simpatia per Zeman“, la risposta di Mughini.