Juventus » Juventus news » News, Chirico: “Perchè doveva finire in parità? La Juve l’ha messa dentro, la Roma ha fallito le occasioni avute”

News, Chirico: “Perchè doveva finire in parità? La Juve l’ha messa dentro, la Roma ha fallito le occasioni avute”

Leonardo Bonucci esulta dopo il gol alla Roma (getty images)

Leonardo Bonucci esulta dopo il gol alla Roma (getty images)

NEWS JUVENTUS-ROMA CHIRICO / TORINO – Il giornalista di Telelombardia e noto tifoso bianconero, Marcello Chirico, attraverso il suo profilo di facebook ha voluto sottolineare i fatti realmente accaduti allo Juventus Stadium nel match della scorsa domenica contro la Roma: “La prima cosa, basilare, da stabilire dopo quest’ultimo Juventus-Roma è questa: le regole del gioco del calcio valgono sempre, o soltanto quando vincono i nostri avversari? Altrimenti vale tutto, ogni genere di castroneria, utile sempre e solo per fornire alibi agli sconfitti e ad avalorare il teorema del millenario complotto arbitrale pro-Juve (ma il problema non era stato risolto con Calciopoli?). Capisco che 3/4 del Paese ieri sera tifasse Roma e fosse certo che stavolta i lupetti avrebbero fatto un sol boccone dei gobbi, purtoppo non è andata così. Capisco altrettanto che la cosa risulti assai fastidiosa, però le falsità ascoltate a fine partita da addetti ai lavori (e non) non possono passare. Rocchi sarà stato pure troppo fiscale, ma i rigori c’erano tutti. Anzi, all’appello ne manca pure 1 non dato, sempre alla Juve, nei primi minuti di gara (sgambetto Manolas su Marchisio). Così com’è validissimo il terzo gol juventino. Ma andiamo per ordine:

1. rigore x fallo di mano di Maicon: è identico a quello di Cascione nel recente Juve-Cesena, ma addirittura ad un mani di Pepe in uno Juve-Roma del 2011 con punizione, tra l’altro, fatta battere da Rizzoli oltre il tempo regolamentare. Maicon salta dentro l’area, per giunta superando irregolarmente la linea tracciata dall’arbitro con la schiuma. Nei fermo-immagine proposti dalle tv, il pallone appare fuoi area: per forza, è proprio il gomito alzato di Maicon a fare in modo che avvenga questo. Ma il fallo il brasiliano lo commette DENTRO l’area.

2. rigore su Totti: netto. Lichsteiner abbraccia il capitano della Roma, e anche se quest’ultimo sembra trascinare per terra il giocatore dell Juve,la cintura dello svizzrero è irregolare.

3. rigore su Pogba: premettendo che la linea bianca è già area di rigore, quando Pijanic alza la gamba per andare a colpire il piede destro del francese, il piede sinistro del giocatore juventino pesta la riga bianca e gran parte del corpo è gà dentro l’area. Come mi hanno insegnato proprio a Milano quelli bravi, il fallo avviene sulla linea e si concretizza dentro l’area.

4. gol di Bonucci: Vidal è in fuorigioco ininfluente, inoltre – forse lo sanno in pochi ( e di sicuro nè la D’Amico & C. su Sky, nè Mediaset Premium e persino il nostro allenatore) che la regola del giocatore all’interno del campo visivo del portiere è stata SOPPRESSA dalla Fifa.

Doveva finire almeno in parità? E perchè? All’inizio della ripresa, si era già in parità: la Roma ha avuto un paio di occasioni, e le ha fallite. La Juve ne ha avute tre, ed una l’ha messa dentro. Per quale cavolo di astruso motivo sarebbe dovuta finire almeno in parità? Per fare contenti quelli che mal sopportano il fatto che abbia vinto la Juve? Juve che, per chi viviseziona le partite coi numeri, ha tirato 20 volte verso la porta giallorossa contro gli 8 tentativi complessivi della Roma verso la porta di Buffon. E avremmo meritato di pareggiarla?Nel complesso è stata pure una discreta partita, giocata molto sui nervi e che i lupetti hanno fatto di tutto per buttarla sulla rissa, riuscendoci alla grande. Le ciliegine sono state il violino (quello de “Il Padrino”?) mimato da Garcia al’indirizzo dell’arbitro, gli insulti al pubblico juventino di Totti dopo il gol su rigore e le sue livorose dichiarazioni a fine match, suggerittegli magari da Boniek. Per la serie: bisogna saper perdere, e loro non ci riescono proprio. Peggio, ti dicono pure che tornano a Roma convinti di aver vinto 0-2, e tutta l’Italia antijuventina, insieme a qualche media partigiano (ma solo per garantire gli stipendi ai propri dipendenti) li applaude schiumando rabbia.Tutto già visto. Unico aspetto serio di questa penosa vicenda è che il campionato di calcio, per ora, ha sancito che non sono più 2 le squadre in testa alla classifica, ma una sola: sempre la stessa. So che è una noia, ma a noi piace tanto”.