Juventus » Juventus news » News, Zeman: ”Non vedo differenze tra la Juve di Conte e Allegri. Ma Immobile…”

News, Zeman: ”Non vedo differenze tra la Juve di Conte e Allegri. Ma Immobile…”

Zdenek Zeman (getty images)

Zdenek Zeman (getty images)

 

ZEMAN JUVENTUS – Il tecnico del Cagliari Zdenek Zeman, che non ha bisogno di presentazioni per il popolo bianconero, ha concesso un’intervista a Tuttosport dove ha parlato proprio anche di Juventus. Ecco le sue parole: Non credo che la Juventus stia attraversando un periodo di crisi: a Genova hanno perso all’ultimo minuto una partita che hanno dominato. Poi, a livello internazionale, penso che la Juve faccia gli stessi risultati che faceva con Conte. Non trovo differenze: è sempre la stessa squadra che però, in Italia, sta trovando un avversario sempre più importante nella Roma. Immobile? Penso che quell’anno con me a Pescara gli sia servito molto perché arrivava da esperienze non positive anche in B dove non giocava. Gli abbiamo dato l’opportunità di far vedere le sue doti e ha dimostrato di averne. Ha fatto bene ad andare in Germania perché è giovane e ha ancora tanto da imparare in un calcio più fisico e aggressivo. Mi dispiace piuttosto che, essendo della Juventus, non l’abbiano preso loro visto che nell’ultimo campionato era stato capocannoniere. Una volta, quando c’erano tre stranieri, erano tre stranieri veri: oggi su trenta giocatori, ce ne sono venti formati all’estero. E non tutti fanno la differenza. Come si esce vivi da Calciopoli? Tra Juve e Roma c’erano polemiche anche prima di Calciopoli: per tradizione c’è rivalità e ci sarà sempre. Poi bisogna vedere chi ci casca, chi si lascia provocare e chi risponde. Juve-Roma, per esempio, è stata seguita da tutti: ci sono stati dei gol che da una parte erano irregolari, dall’altra regolari e ci si lamenta da una parte mentre dall’altra si è contenti. Se il calcio è più pulito rispetto a dieci anni fa? Oggi non c’è gente che frequenta i tribunali. Se andrei a cena con Andrea Agnelli? A cena io vado con tutti, poi bisogna vedere se le discussioni sono alla pari”.