Juventus » Juventus news » Primo Piano, Fiorentina-Juventus: la chiave tattica del match

Primo Piano, Fiorentina-Juventus: la chiave tattica del match

Max Allegri (getty images)

Max Allegri (getty images)

PRIMO PIANO FIORENTINA-JUVENTUS CHIAVE TATTICA / FIRENZE – In questa partita delicata della stagione mister Allegri potrebbe ritornare al vecchio modulo, con la difesa a tre, ma a quanto sembra anche Montella adotterà il 3-5-2 di partenza. La Juventus è un po’ spuntata in difesa per le perduranti assenze di Barzagli e caceres e per via dell’assenza di Lichtsteiner a destra, dove verrà dirottato il rientrante Padoin, e per la presenza di un Evra ancora frastornato dalla folgore Peres. D’altro canto il francese se la dovrà vedere con il velocissmo Cuadrado, che pur partendo da seconda punta andrà a decentrarsi sulla sua fascia preferita cercando l’uno-contro uno. Ogbonna sarà l’uomo che dovrebbe andare a raddopiare in marcatura sul colombiano. A centrocampo Marchisio osserverà un turno di riposo, con Vidal o Pereyra che agiranno da trequartista. La grande sorpresa potrebbe essere presntata in attacco con la strana coppia, Llorente-Coman, con Tevez e Morata che potrebbero essere i titolari nella decisiva sfida di champions contro l’Atletico Madrid. Il talento francese, per altro, nell’unica partita giocata da titolare (contro l’Udinese) ha mostrato grandi qualità e personalità da vendere. Con i suoi guizzi la statica difesa della Fiorentina potrebbe andare in sera difficoltà. Tra le due squadre ci sarà lotta serrata sui calci piazzati, inutile dire che saranno fondamentali per la Juve le parabole di Pirlo sia verso i compagni che con la sua proverbiale arma letale, il calcio diretto. Dalla panchina non possiamo trascurare il possibile ingresso a partita in corso di Giovinco, che tutte le volte che è stato chiamato in causa si è ben comportato. Il grosso pericolo per la Juve sarà quello di essere inconsciamente con la testa alla Champions, mentre per la Fiorentina il rischio sarà quello di cullarsi sulla vittoria dello scorso anno, dimenticandosi che se la Juve non avesse sprecato molte occasioni sul 2-0 non ci sarebbe stata la rminta viola.