Douglas Costa ©Getty Images

È giunto il giorno di Douglas Costa, colpo più lucente di questo calciomercato Juventus. Il brasiliano è stato presentato per la prima volta alla stampa, dopo l’allenamento di questa mattina a Vinovo che ha inaugurato la settimana che porterà la truppa di allegri negli USA. Douglas Costa a partire dalle 14.30 si è presentato in conferenza stampa: “Non dico cosa faccio, sono una persona impulsiva quindi non posso promettere nulla. Al di fuori del calcio, sono innamorato di mia moglie. Amo i videogame e mi piace stare in compagnia dei miei amici, giocare al bowling“. Sulla posizione preferita in campo ha detto: ” Ho giocato a destra con lo Shakhtar, a sinistra col Bayern. Non so dove giocherò, mi metterò a disposizione del mister. Ovunque mi impiegherà cercherò di fare grandi prestazioni. Ho parlato con il mister prima di firmare il contratto. La squadra mi ha accolto molto bene, ci vuole un po’ per avere l’affinità con tutti gli altri. Già mi hanno dato molto consigli e sono contento della mia scelta”.

Calciomercato Juventus, la scelta di Douglas Costa

Il nuovo acquisto della Juventus ha quindi proseguito: “Arturo (Vidal) è un grande amico, mi ha detto che la Juventus è un grande club ed ho seguito il suo consiglio. Ne ho parlato con Alex Sandro in Nazionale. Mi hanno detto che ci sono tantissimi tifosi che mi daranno tantissimo affetto. La Serie A predilige molto fisico, a me non piace il contatto fisico ma mi adatterò molto in fretta anche se nel calcio italiano i contatto avvengono in continuazione. La Juventus è una squadra grandissima. Mi è sempre piaciuto vederla giocare ed ho visto un gioco di altissimo livello e quando è sorta la possibilità di farne parte. Ho colto la possibilità al volo”.

Sulla Champions: “La finale è sempre una partita difficile. Sono arrivato qui per aiutare e credo che posso dare una mano per questa conquista. Sicuramente è mancata anche un pò di fortuna in quella notte di Cardiff. La Juve è una squadra che vince sempre. Sono arrivati per due volte negli ultimi tre anni in Champions League, io credo di essere arrivato nel momento giusto nella squadra giusta per migliorarmi. Proverò qui a vincere la Champions”.

Douglas Costa ha parlato anche del suo modello e dell’undici di Nedved: “Io sono del Rio Grande do Sul, in Brasile, allora c’era Ronaldinho Gaucho, lui giocava al Gremio e anch’io ho giocato lì, è stato quindi il mio idolo, la persona a cui mi ispiravo. 11? E’ un numero di cui io sono innamorato, sapere che Nedved l’ha indossato è una responsabilità molto grande, spero di ottenere le vittorie che ha ottenuto lui. Spero che questa stagione sia una stagione con molte vittorie per la Juventus”.