Gianluigi Buffon da Carrara, 28 gennaio 1978. Con tutta probabilità quest’anno Super Gigi festeggerà i 40 anni in campo, rigorosamente con la maglia della Juventus addosso. Il 28 gennaio 2018, infatti, è domenica, e quel giorno potrebbe essere un matchday come tanti. Giornata speciale per un uomo speciale. Max Allegri di recente gli ha dedicato un’altra carezza, e ne ha sicuramente ben donde. Questo è infatti l’anno in cui Buffon farà qualche altro passo nella leggenda di cui fa già ampiamente parte, staccando diversi campioni del passato in qualche recordino non certo di poco conto. Li ha enumerati stamattina il ‘Corriere della Sera’, spiegando come per il portiere bianconero si avvicinano una serie di traguardi importanti.

Juventus, dalla Supercoppa al Mondiale: i possibili record di Buffon

I primi record potrebbe batterli stasera. Già la nona finale di Supercoppa è un primato difficilmente battibile, ma vincendo contro la Lazio potrebbe arrivare al settimo trofeo, staccando anche Stankovic nelle vittorie assolute. Ma basta scorrere le news Juventus per capire quanti altri appuntamenti con la storia ha il portierone bianconero. Nel prossimo weekend inizierà anche la Serie A, e questo potrebbe essere l’anno in cui Buffon batterà il record di Maldini, che si è fermato a 647. Buffon è a 619, quindi un’altra stagione da titolare (Szczesny permettendo) porterebbe Gigi a diventare primatista assoluto di caps in A. Non solo: il settimo scudetto consecutivo, oltre ad essere un inedito in Italia per le squadre, lo sarebbe ovviamente anche per i calciatori, ma vincendo un altro titolo Gigi supererebbe anche Virginio Rosetta, Giovanni Ferrari e Giuseppe Furino nel computo totale di campionati vinti. In caso di successo in Coppa Italia, invece, il portierone bianconero aggancerebbe Goran Pandev in cima alla lista dei calciatori con più vittorie consecutive. Poi il Mondiale, dove Buffon dovrebbe essere ancora protagonista, salvo clamorosi ribaltoni. Al Mondiale di Russia Gigi diventerà il primo calciatore della storia a giocare 6 Mondiali, superando di slancio Carbajal del Messico e un certo Lothar Matthäus. Ma prima la Champions: se la Juve dovesse vincere sarebbe la prima per lui, l’ultimo diamante da inserire in una corona che ormai di diamanti non ne conta neanche più. Proprio come succede alle leggende.