Gianluca Vialli
Gianluca Vialli © Getty Images

In occasione della tappa torinese dell’UEFA Champions League Trophy Tour 2017, l’ambasciatore Gianluca Vialli ha parlato del suo passato alla Juventus. L’ex attaccante si è giocato per ben due volte la vittoria finale nel torneo europeo, alzando la coppa proprio con la Vecchia Signora e tornando a casa sconfitto con la Sampdoria. “Sono partito dalla Serie C – ha dichiarato – in un ambiente dove non ero mai sottoposto a stress, poi ho avuto l’occasione di andare alla Juve e invece ho scelto la Sampdoria che per me era la squadra perfetta: tanti giovani, stessa mentalità, un presidente lungimirante e una grande tifoseria. Solo dopo è arrivata la Juve e per me è stato meglio così”.

L’ex bianconero ha avuto la fortuna di condividere il rettangolo verde con altri grandi campioni, vere e proprie leggende della storia del calcio: “Mancini, Baggio, Del Piero, Zola… tutti numeri 10 di un certo spessore che mi hanno permesso di segnare tanti gol. Poi ho giocato anche con Maldini e Baresi, con portieri come Pagliuca, Zenga e Peruzzi… sono stato molto fortunato. Per quanto riguarda gli avversari, ai miei tempi in Italia c’erano Zico, Maradona, Platini, Falcao. C’è solo l’imbarazzo della scelta. Oggi mi piacerebbe giocare con Dybala o con Belotti”.

Juventus, le parole di Vialli

In primo piano tra le news Juventus c’è la partita di domani sera tra i bianconeri e i greci dell’Olympiacos. Per Vialli, la Juventus è ancora tra le favorite alla vittoria della Champions 2017-18: “Non mi stupirei se ci riuscisse una tra City, United, Juventus, Chelsea, Bayern Monaco, Barcellona, Real Madrid e Paris Saint-Germain, sono tutte su livelli molto alti. In casa bianconera nessuno sta parlando esplicitamente di vincerla e questo significa che invece stanno lavorando sotto traccia per puntare a quell’obiettivo. Dopo 7 finali perse la Juve meriterebbe di vincerla. Alla Juve non manca niente per vincere la Champions, tre anni fa a Berlino c‘era una squadra francamente troppo forte da affrontare anche se la Juve fece una bellissima figura però, in quel momento, il Barcellona giocava da Dio, era impossibile con i tre davanti riuscire a superarla. Mi ha sorpreso e un po’ deluso la partita di Cardiff, però due finali in tre anni vuol dire che la squadra c’è, è solida, ha tutto per arrivare quanto meno fino alla fine.”

Vialli ha parlato anche della sfida tricolore tra Juventus e Napoli per la conquista scudetto: “Credo che adesso sarà la Juve di sempre, concentrata, sul pezzo, solida ed efficace e credo che non avrà problemi a superare il turno. Qualche problema in più potrebbe averlo il Napoli per via della sconfitta sul campo dello Shakhtar, però al di là di quello del Napoli mi interesserà soprattutto vedere il duello Sarri-Guardiola, quando arriverà la sfida con il City, quella credo sia una partita che aspettiamo tutti, per capire veramente tante cose del gioco del Napoli e della sua efficacia. Duello scudetto Juve-Napoli? Credo di si anche se Roma e Inter non sono distanti, però credo che le due squadre che hanno più certezze, più consapevolezza, autostima, meccanismi sono Juventus e Napoli. Sono loro le due squadre da battere”.

Alessandra Curcio