Home Tutto della Juventus - News di ultim'ora Juventus Campione d’Italia, sarà festa se…

Juventus Campione d’Italia, sarà festa se…

Juventus Campione d’Italia, bastava un pareggio al Paolo Mazza di Ferrara contro la Spal per festeggiare l’ennesimo titolo in bianconero. L’ottavo di fila, il 37mo della storia della Vecchia Signora.

Kean e Bonucci, Juventus

Quali sono i nomi del trionfo? Sicuramente una bella fetta di questo titolo è di Cristiano Ronaldo che ha segnato 21 reti e realizzato un numero inqualificabile di assist. Era partito con qualche difficoltà, senza riuscire a segnare subito. La doppietta con il Sassuolo gli ha spianato la strada verso il trionfo.

Juventus Campione d’Italia, i nomi del trionfo

Non si parla solo di Cr7 perché sono diversi i calciatori che hanno fatto la differenza. Nonostante da mesi stia passando dei momenti complessi, fondamentale è stato Mario Mandzukic. Il croato infatti ha segnato contro tutte le big gol decisivi nel girone d’andata. Inter, Milan, Napoli, Roma e Lazio sono state punite dall’ex Bayern Monaco che spietato di testa ha dimostrato di essere un fattore in più.

Nel girone d’andata molto bene ha fatto anche Rodrigo Bentancur che ha approfittato dei problemi fisici di Sami Khedira per prendersi spesso una maglia da titolare. Il gol a Firenze contro la viola è un piccolo gioiello difficile da dimenticare. Szczesny e Perin si sono divisi la porta entrambi con merito, ma senza dimenticare che davanti Leonardo Bonucci e Giorgio Chiellini sono stati fondamentali per gli equilibri difensivi. Cancelo anche era partito fortissimo, così come Cuadrado e Douglas Costa, i tre poi però si sono persi in alcuni problemi fisici di troppo. Strepitosa è stata la stagione di Miralem Pjanic.

L’idolo di queste ultime settimane è Moise Kean che è stato straripante e decisivo contro Empoli, Udinese, Milan e Spal, dimostrando di essere calciatore vero. A tratti, dopo aver superato i problemi fisici, ha fatto molto bene anche l’altro acquisto Emre Can, vanno poi citati per continuità De Sciglio, Rugani e Matuidi. 

La grande delusione è probabilmente Paulo Dybala, che si è acceso a sprazzi ma che è stato molto spesso insufficiente e ha segnato veramente poco. La sua stagione è stata messa in penombra da uno straordinario e straripante Federico Bernardeschi, protagonista assoluto nella serata del 3-0 contro l’Atletico Madrid.

Siamo stati selezionati da Google News come sito accreditato, seguici sempre con un CLICK