Home Tutto della Juventus - News di ultim'ora Serie A, c’è l’ipotesi di giocare in campo neutro

Serie A, c’è l’ipotesi di giocare in campo neutro

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:32

Si continuano a studiare idee e ipotesi per riuscire a portare a termine il campionato di Serie A. L’ultima è quella di giocare in campo neutro.

Gravina Serie A
Gravina

Non lasciare nulla a caso. Questa è la strategia scelta e adottata per provare a portare a termine il campionato di Serie A. L’ultima idea, riportata dall’edizione odierna de ‘Il Corriere dello Sport’, è quella di giocare in campo neutro. La soluzione sarebbe quella di trasferire le squadre delle regioni dove il contagio non sarà azzerato a giocare lontano da casa. Nessuno svantaggio legato al tifo, in quanto quando e se si dovesse riprendere lo si farebbe a porte chiuse.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Diaconale punzecchia la Juve, Tare non vuole annullare il campionato

Serie A, si ripartirà? La situazione e le ipotesi al vaglio

Serie A

Il presidente della Lega Dal Pino e l’ad De Siervo sono in costante contatto con la Figc e le altre Leghe europee. Oggi infatti si terrà  un meeting, organizzato dalla Uefa, con le 55 federazioni del Vecchio Continente. Al vaglio le tre ipotesi di calendario: la più ottimistica, ovvero ripartenza a metà maggio, quella più realistica, con via a fine maggio o inizio giugno, e quella più pessimistica, con la ripartenza entro la fine di giugno. Appare chiaro ed evidente che più si va in là e più sarà necessario tagliare qualcosa. Il pensiero va in primis alle Coppe nazionali,  ma occhio anche ai format delle coppe europee, che per ora sarebbero ritenuti intoccabili.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Champions League, la Uefa non ci sente: il torneo va concluso

Insomma, si continua a lavorare e a studiare. In via Rosellini sono stati analizzati con attenzione gli scenari presentati dall’Einaudi Institute for Economics and Finance (Eief), un centro di ricerca universitaria indipendente che ha analizzato i numeri dell’andamento del Covid-19 regione per regione. Questo ha evidenziato, che tra la metà della prima e la fine della seconda settimana di maggio in quasi tutte le regioni d’Italia i tamponi negativi potranno arrivare a zero. Ovviamente ci saranno delle differenze, ma entro il 16 maggio in 16 delle 20 regioni le nuove diagnosi di Covid-19, secondo tali previsioni, si azzereranno e resterebbero i malati da guarire. Ed eccco perché per qualche club potrebbe rendersi necessario allenarsi e giocare in regioni a contagio zero, creando una sorta di safe zone. Un’idea che, nel caso in cui si dovesse ripartire, potrebbe prendere corpo.

Siamo stati selezionati da Google News come sito accreditato, seguici sempre con un CLICK