Juventus, Chiellini elogia De Ligt: “Il centrale più forte del mondo”

0
18

Intervistato poche ore prima di Italia-Olanda, Giorgio Chiellini ha parlato al portale nos.nl, spendendo parole al miele per il compagno di reparto De Ligt, attuale compagno di reparto alla Juventus.

Juventus
Giorgio Chiellini, capitano della Juventus (Getty Images)

Chiellini Juventus De Ligt intervista/ Reduce da un lungo infortunio, la rottura del crociato che lo ha tenuto lontano dai campi da calcio per quasi un anno, Giorgio Chiellini sta lavorando sodo per cercare di recuperare lo smalto di un tempo. King Kong è stato convocato dal tecnico Roberto Mancini per gli impegni della Nazionale, a riprova dei passi in avanti in termini di condizione atletica fatti registrare nell’ultimo periodo dal roccioso centrale difensivo. Del resto, anche Andrea Pirlo non ne aveva affatto centellinato l’utilizzo, consegnandogli una maglia da titolare nelle sfide contro Sampdoria e Roma.

Leggi anche–>Calciomercato Juventus, scambio con il Psg: Szczesny sul piatto, i dettagli

Con Demiral a mezzo servizio e De Ligt che deve smaltire i postumi dell’operazione alla spalla, il ritorno di Chiellini non può che fare bene ad un reparto, come quello bianconero, che sta vivendo un progressivo ricambio generazionale. In un’intervista rilasciata ad alcuni giornalisti olandesi del portale nos.nl, il Chiello ha speso parole al miele proprio per l’ex Ajax, che dopo un inizio di stagione molto complicato, lo scorso anno ha chiuso il campionato in crescendo.

Le parole di Chiellini su De Ligt

Juventus
De Ligt infortunato, Juventus (Getty Images)

Ecco quanto dichiarato da Chiellini: ” Sono sicuro che De Ligt diventerà il centrale più forte al mondo. Ha forza fisica, uno straordinario senso della posizione. A dispetto della sua giovane età, ragiona già come un ventenne, dimostrando una grande maturità in molte circostanze. Ho grande fiducia in lui, farà le fortune della Juve.”

Leggi anche–>Milinkovic Savic alla Juventus, calciomercato: dall’Inghilterra sono sicuri

Un attestato di stima importante per un calciatore che ha dimostrato di superare i fisiologici ostacoli e problemi di ambientamento in un campionato sicuramente non facile come quello italiano.