Crociata della Rai contro la Juventus: i supporter bianconeri sono furiosi

0
12

I post di Varriale e di Paganini scritti sui propri social non hanno fatto contenti i tifosi della Juventus

Juventus Calciomercato
Tifosi della Juventus (Getty Images)

Ieri la Juventus ha pareggiato contro il Crotone, una sfida che era alla portata dei bianconeri che però non ha visto la squadra di Pirlo dominare come ci si aspettava, o meglio, come si aspettavano i tifosi. Vuoi per mancanza di alcune pedine fondamentali, da Cristiano Ronaldo, a Paulo Dybala, Chiellini, De Ligt, Alex Sandro e via dicendo…ma quello che ha fatto più infuriare i tanti supporter bianconeri, ancora più della mancata vittoria, sono i tweet di due dei giornalisti più importanti della Rai: Paolo Paganini e Enrico Varriale.

LEGGI ANCHE>>>Juventus, è crisi spogliatoio: duro scontro fra Paratici e…

Crociata della Rai contro la Juventus: i supporter bianconeri sono furiosi

Juventus
TIfosi della Juventus (Getty Images)

Per i tanti supporter infatti i due giornalisti sembrano essersi focalizzati in maniera decisamente troppo negativa sulla partita della Juventus. Varriale inoltre ha anche rilanciato con un post pro Napoli, mentre invece Paganini con una metafora ha fatto capire di non approvare la scelta di Pirlo come allenatore. Insomma, un accanimento che per i tifosi bianconeri, che non a caso hanno commentato in tanti, sa di coalizione contro.

LEGGI ANCHE>>>Juventus, Dybala può restare in panchina anche in Champions

I tifosi hanno infatti commentato Varriale abbastanza inferociti, ad esempio Walter Massimiliani scrive: “Direi che comunque è andata a giocare senza CR7 e McKennie positivi – a differenza di chi ha deciso DELIBERATAMENTE di violare il protocollo – ha preso goal su rigore, ha subito un’espulsione eccessiva, ha preso un palo, gli è stato annullato un goal…”. 

O Animating.pixels che scrive: “Un Giusta Espulsione? E lo dico da laziale…non crede che un giornalista debba almeno provare ad essere imparziale nel giudizio di un episodio di cronaca di una partita? Quello è un cartellino giallo. Piuttosto ce n’era un secondo, di giallo, su Cigarini. O no? Bah…”