Pagelle Juventus Spal, Coppa Italia: Morata castiga, Kulusevski inventa

0
371

Voti e pagelle di Juventus Spal: ecco cosa è successo all’Allianz Stadium, nel quarto di finale di Coppa Italia. Morata e Fagioli sugli scudi

Da pochi istanti si è conclusa Juventus Spal, quarto di finale di Coppa Italia, che ha visto i bianconeri imporsi per 4-0 in virtù delle reti messe a segno da Alvaro Morata su rigore e da Daniele Frabotta. Nel finale Kulusevski timbra la marcatura e chiude definitivamente i conti, prima del sigillo di Chiesa.

Leggi anche–>Juventus Spal, Pirlo trema: altro infortunio, è costretto ad uscire

Pagelle Juventus Spal

Buffon 6: Giornata di relax per il portierone bianconero, che si fa “sentire” soprattutto con grida ai compagni

De Ligt 6: Poco impegnato

Demiral 6: Fa sentire la sua presenza fisica in più di una circostanza: strabordante fisicamente, dà la sensazione di voler cercare sempre e comunque l’anticipo

Dragusin 6,5: Solido, attento, preciso: il suo rinnovo è a un passo. E la sensazione è che la Juve debba tenerselo stretto

Frabotta 7: Vivace, frizzante, sempre nel vivo della manovra: trova bel goal, ma condisce la sua prestazione anche con corsa, dinamismo ed intraprendenza

Ramsey 6: Alcune volte esce dalla partita, facendo infuriare Pirlo, ma quando il gallese aumenta i giri del motore dimostra una qualità tecnica superiore. Discontinuo

Rabiot 7: Uno dei migliori del match: corsa e fisicità i leit motiv del transalpino, che appare in crescita

Fagioli 6: Personalità ed intraprendenza: alla prima da titolare allo Stadium mostra una padronanza tecnica non indifferente. Da matita blu il suo passaggio sbagliato al limite dell’area di rigore

Bernardeschi 6: Prima del cambio, aveva fornito una buona prestazione: da valutare il suo infortunio

Morata 7: Trova il secondo goal consecutivo in Coppa Italia su rigore: si muove bene, mettendo costantemente in apprensione la difesa ferrarese

Kulusevski 7: Svaria molto, abbassandosi il più delle volte per ricucire il gioco: gioca alla “Dybala”: rispetto all’argentino, però, denota una maggiore esplosività e fisicità. Fornisce a Frabotta l’assist per il 2-0, trova il goal che chiude definitivamente il match

Chiesa 7: Entra e timbra la marcatura