Donnarumma come Buffon, bestemmia in Milan-Bologna | Perché Gigio non è stato deferito?

0
949

Sui social impazza un video relativo al match tra Milan e Bologna, nel quale si ascolta chiaramente una bestemmia di Gianluigi Donnarumma. I tifosi della Juve insorgono sul web. Clicca qui per vedere il video

a

 

Milan Bologna Donnarumma bestemmia/ Il Milan di Stefano Pioli guida al momento la classifica di Serie A per effetto dei 49 punti guadagnati in 21 partite: un ruolino di marcia davvero impressionante, che catapulta i rossoneri come una delle candidate più autorevoli alla vittoria dello scudetto. Nella prima parte di questa stagione, la difesa del Diavolo è stata sorretta dalle parate di Gigio Donnarumma, con il quale si sta discutendo in questi giorni di un possibile rinnovo del contratto. Il portierone classe ’99 si sta consolidando su livelli molto alti: si può ben dire che sia la stagione della rinascita dell’estremo difensore, che in passato aveva alternato periodi bui a parate fantasmagoriche.

Leggi anche–>Calciomercato Juventus, potrebbe tornare in Premier League

La nomea di nuovo Buffon, però, potrebbe non riferirsi soltanto alle sue doti tecniche. Come evidenziato nel video che circola insistentemente sul web, Gigio, in occasione della gara contro il Bologna, al termine di un’azione ben congegnata degli uomini di Mihajlović, non si è trattenuto dal pronunciare un’espressione assolutamente blasfema, come si evince dal video linkato nell’introduzione, in cui è possibile ascoltare un “Dio c…”.

Bestemmia Donnarumma, no al deferimento: solo una casualità?

Alcuni tifosi bianconeri hanno riesumato questo video, anche perché qualche giorno fa si parlava di un possibile deferimento per Gigi Buffon, al quale era già stata inflitta un’ammenda per un’espressione analoga. Molto difficile che l’arbitro non abbia ascoltato nulla, eppure non ci risultano provvedimenti disciplinari. Del resto, quando accade qualcosa che coinvolge la Juve, tutto viene amplificato…

Leggi anche-->Calciomercato Juventus, rinnovo Ronaldo: ecco la sua richiesta