Marani: «Alla Juve tutto casuale da due anni. Senza Marotta…»

0
150

Il giornalista Matteo Marani ha attaccato la coppia Paratici-Nedved, evidenziando come alla Juventus sia cambiato tutto dopo l’addio di Marotta.

Dagli studi di Sky Sport, il giornalista Matteo Marani ha analizzato duramente il momento della Juventus. «Che alla Juve qualcosa non funzionasse era evidente già prima del Porto. Da due anni ho l’impressione che la Juventus sia casuale. Non vedo una linea: puoi anche decidere di cambiare dopo Allegri, ma devi avere un piano preciso. Non lasci andare via un allenatore qualunque, ma uno che ha vinto cinque scudetti e fatto due finali di Champions: oggi sono un miraggio. Se lasci andare Allegri, devi avere in mano Guardiola, Pochettino, un allenatore di questo tipo. Alla fine è stata un mese senza allenatore e poi ha preso Sarri». Parole che non sono passate inosservate e che hanno generato forti discussioni sul web.

LEGGI ANCHE >>> Juventus, svelata la nuova maglia per la stagione 2021-2022

Marani e l’attacco a Paratici

Calciomercato Juventus«Da due anni alla Juventus non c’è più Marotta e questo ha avuto un suo peso – ha detto ancora Matteo Marani -. Ha vinto un campionato con Sarri, mal sopportato dall’ambiente. Poi si è passati a Pirlo, che la settimana prima è stato presentato come allenatore dell’Under 23: se hai l’idea che possa allenare, aspetta una settimana. Su Pirlo non esprimo giudizi: ha fatto degli errori, ma chi non ne avrebbe fatti al primo anno? Credo servano 3-4 anni per capire se un allenatore è un allenatore. Penso a Inzaghi: oggi possiamo dire che è un allenatore, dopo un percorso. Vedo un sacco di errori, per esempio il fatto di non sapere se Suarez fosse o meno comunitario. In tutto ciò, la Juventus ha 400 milioni di debiti. Io non critico Pirlo o Ronaldo: il problema non sono loro, ma le scelte che sono state fatte».