Juventus Parma, provocazione davanti allo stadio: cosa è successo

0
290

Juventus Parma, stasera la partita di campionato alle ore 20.45 ma…davanti allo stadio è apparso un enorme Tapiro d’Oro: il punto.

Juventus
Allianz Stadium, Juventus ©Getty Images

Juventus, questa sera si disputerà la sfida infrasettimanale contro il Parma. Una gara cruciale per la classifica e per quel quarto posto che adesso vacilla e non poco. Il Napoli di Gattuso è a -2 punti e un altro passo falso in campionato per i bianconeri potrebbe risultare cruciale per la futura qualificazione in Champions. Proprio sul topic della SuperLega, ieri ufficialmente sospesa dopo che i club inglesi sono usciti uno dopo l’altro, oggi davanti allo stadio si è presentato un enorme Tapiro d’Oro proprio indirizzato alla Juventus e al suo presidente Andrea Agnelli.

LEGGI ANCHE >>> Formazioni ufficiali Juventus Parma: le scelte di Pirlo

Juventus Parma, provocazione davanti allo stadio: cosa è successo

Super League
Dirigenza Juventus, Andrea Agnelli (Getty)

E non c’è da stupirsi vista la satira del programma ‘Striscia la Notizia’ che già in passato consegnò Tapiri anche ai giocatori bianconeri. Il motivo è chiaramente veicolato al fatto della SuperLega durate, ufficialmente, pochi giorni visto l’addio dei club inglesi dopo la controproposta Uefa. Ufficialmente sospesa la SuperLega, almeno per il prossimo anno, sembra che non si farà. Si continuerà con il campionato regolare e la Champions League, la competizione che in questo momento vede i bianconeri pericolanti con quella quarta posizione non così salda, c’è il Napoli a -2 punti. Proprio per questo motivo, questa sera, la compagine bianconera dovrà ottenere a tutti i costi i tre punti rispondendo con vigore sul campo. Guadagnare punti diventa fondamentale, anche dopo un’annata così complicata.

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Juventus, assalto al bomber: ci sono altre due big di A

Tornando al Tapiro è chiaro che Striscia tende ad ironizzare sull’avvenimento della SuperLega e la sua breve longevità. Inizialmente erano d’accordo tutte le realtà altolocate dei vari campionati ma poi ha iniziato a sfaldarsi perché, i club inglesi in primis, hanno deciso di accettare la controproposta della Uefa, ritirandosi ufficialmente.