Juventus Fiorentina, Italiano a DAZN | Annuncio di mercato su Vlahovic

0
69

Le parole di Italiano a Dazn dopo Juventus-Fiorentina

Italiano ©️LaPresse

Al termine della sfida tra Juventus e Fiorentina, Italiano ha rilasciato un’intervista ai microfoni di Dazn. Ecco le parole del tecnico dei gigliati: “Il punto si poteva portare a casa, c’è il rammarico di aver fatto una grande partita, in uno stadio importante contro una squadra fortissima, la prestazione è ottima, l’atteggiamento idem, penso che un punto lo avremmo meritato per quanto fatto vedere. Ho sempre il timore dei centrali ammoniti, per come giochiamo può capitare un intervento in ritardo, una lettura sbagliata; in quella zona di campo non può neanche tentare di allungare la gamba, sbagliando si impara, oggi c’è costato caro, anche Milenkovic è stato protagonista di una gara straordinaria, penso che anche oggi la squadra sia arrivata qui con dei miglioramenti importanti.

Uscire a testa alta da questo stadio contro questa squadra ti fa affrontare il proseguo del campionato con un’altra testa: lo faremo lo stesso, nel momento in cui la perdi così per forze di cose devo guardare cosa si è proposto e ciò che si è riusciti a fare. Per me è come se la squadra avesse raccolto punti, uno step a nostro favore al termine di una gara giocata con personalità.

Sottil era in programma di metterlo dentro, la strategia di gara era quella, ha il cambio di passo che dal 70′ poteva darci una grande mano, tutti quei traversoni, tutti quei palloni che attraversano l’area per me sono potenziali occasioni da goal. Se c’è oggi una pecca forse è quella, per me sono palle goal che se non riesci a concretizzare fanno tanto. Fa piacere che anche voi abbiate rimarcato la prestazione della squadra, venire qui e far tirare pochissimo in porta la Juve.

Su Vlahovic: “Non lo so come per adesso, si parla sempre di mercato, questa cosa dà sempre fastidio, lo vedo concentrato, molto attento. Oggi none era facile contro due grandi giocatori come Rugani e De Ligt. Ha giocato spesso spalle alla porta ma anche per merito degli avversari. Vedremo.”