Juventus, Lapo Elkann distrugge DAZN | Il post diventa virale

0
564

Juventus, frasi al vetriolo contro la decisione della piattaforma di streaming di dire stop allo sdoppiamento degli abbonamenti. Ecco il suo tweet.

Un terremoto. La novità che DAZN introdurrà a partire dal prossimo dicembre è diventata inevitabilmente la notizia del giorno. Sui social non si parla d’altro. L’indiscrezione l’ha lanciata questa mattina il Sole 24 Ore, ma le polemiche non accennano a fermarsi, tant’è che l’hashtag è tuttora in tendenza. In sostanza, non si potrà più accedere ai contenuti della piattaforma di streaming da due dispositivi diversi in contemporanea. O meglio, continuerà ad essere possibile ma utilizzando esclusivamente lo stesso indirizzo IP.

Lapo Elkann
Lapo Elkann @Getty Images

Una pessima notizia, insomma, per chi aveva deciso di utilizzare in “condivisione” l’abbonamento con l’obiettivo di ridurre i costi dividendo le spese del canone mensile. Decisione che a molti, dunque, non è andata giù. Anche alla luce dei frequenti disservizi con cui gli utenti hanno dovuto fare i conti nelle scorse settimane e ai quali DAZN ha cercato di rimediare attraverso scuse ufficiali e promesse di rimborso.

Juventus, nel mirino di Lapo c’è il cambio in corso dei termini del servizio

Diletta Leotta (Getty)

Non è ancora arrivata una conferma ufficiale, ma difficilmente DAZN cambierà idea. A quanto pare i principali motivi che hanno spinto l’azienda ad adottare questo drastico provvedimento riguardano il contrasto alla pirateria. Ma non è bastato per convincere la maggior parte degli utenti, di nuovo sul piede di guerra. Ancora più di prima. Su Twitter è apparso qualche ora fa anche un “cinguettio” al vetriolo di Lapo Elkann. Che non le ha di certo mandate a dire.

“Servizio non ottimo, cambio di termini servizio in corso di campionato. La pirateria si sconfigge con prodotti di qualità, accessibili e facili da utilizzare. Si può guadagnare extra con contenuti premium, non con i giochi delle 3 carte a spese dei consumatori #Daznout“.