Calciomercato Juventus, Conte beffa tutti: colpaccio immediato

0
137

Calciomercato Juventus, le manovre del Tottenham si intrecciano in maniera inestricabile con quelle di diversi club di Serie A.

La vittoria contro il Leicester all’ultimo secondo ha rappresentato – per adesso – l’acme della permanenza di Antonio Conte sulla panchina del Tottenham. Il tecnico salentino in pochi mesi è riuscito a ricaricare psicologicamente una squadra che sembrava alla deriva, e che ora può giocarsi anche un piazzamento in Champions League.

Calciomercato Juventus Kessie Milan Tottenham
Antonio Conte ©️LaPresse

Chiaramente l’ex tecnico di Inter e Juventus si aspetta rinforzi sul mercato, e le traiettorie degli affari degli Spurs potrebbero incrociarsi a stretto giro di posta con quelli di diversi club di Serie A. Del resto, Paratici e Conte conoscono molto bene il campionato nostrano, e sono pronti a fare spesa nel Bel Paese, capitalizzando le diverse occasioni che potrebbero palesarsi già in questa finestra di calciomercato invernale. Non è un mistero che al Tottenham piaccia e non poco Franck Kessié, che non ha ancora rinnovato il suo contratto con il Milan ed è pronto a cambiare aria. Sebbene i flirt dell’entourage dell’ivoriano con il Psg ci siano stati, al momento sul piatto non è trapelata nessuna offerta ufficiale degna di nota, con il “Presidente” che potrebbe cogliere al balzo, dunque, la chance generata dal sempre più probabile assalto del Tottenham.

Leggi anche –> Calciomercato Juventus, finalmente è ufficiale: firma fino al 2024

Calciomercato Juventus, Kessié-Tottenham: pronto il blitz | Le ultimissime dall’Inghilterra

Franck Kessié ©️LaPresse

A rivelarlo è il Telegraph, che spiega come il Tottenham, dopo i sondaggi delle scorse settimane, abbia tutta l’intenzione di stringere i tempi già a gennaio, mettendo sul piatto un’offerta cash per provare a stuzzicare il Milan. L’intenzione, neanche troppo velata, è quella di anticipare la concorrenza, impedendo che l’ex Atalanta possa accordarsi con un altro club – o magari chiedere cifre di ingaggio più alto – da febbraio in poi, quando sarà libero di accordarsi con chiunque club, nel caso in cui dovesse continuare a rispedire al mittente la proposta da 6,5 milioni di euro annui che Maldini gli ha fatto recapitare.