Calciomercato Juventus, Allegri impaziente: ecco i tre colpi scudetto

0
59

Calciomercato Juventus, Allegri impaziente: ecco i tre colpi scudetto.

Il quarto posto dell’appena concluso campionato di Serie A, e in generale le non brillanti prestazioni della squadra bianconera, hanno acceso i riflettori sulle necessità della squadra bianconera per ottenere risultati migliori al termine del prossimo “anno accademico”.

Calciomercato Juventus
Andrea Agnelli ©LaPresse

Inoltre, la Juventus della prossima stagione sarà privata anche di quelli che sono stati tra i migliori giocatori della sua rosa, il che complica non poco le cose. A partire sono stati infatti Dybala e Chiellini, a cui si aggiungeranno presto Morata e, se si troverà un acquirente, anche Kean. Insomma, ci sono  tanti posti vacanti da coprire con sostituti che non debbano limitarsi a sostituire le partenze, ma essere in grado di dare addirittura qualcosa in più rispetto ai predecessori per permettere alla Juventus di tornare in vetta alla classifica.

Calciomercato Juventus, Pogba, Koulibaly e Arnautovic per tornare in vetta

Calciomercato Juventus
Nedved, Agnelli e Arrivabene ©LaPresse

Vista la situazione non sorprende che la direzione sportiva si sia mossa sul mercato con largo anticipo rispetto all’inizio della finestra di calciomercato e sia già a buon punto su diverse trattative. Per la difesa si rincorre il centrale del Napoli Kalidou Koulibaly, il quale però potrebbe opporre resistenza ad un passaggio alla Juve per la rivalità storica con il suo club attuale; a centrocampo il nome più caldo è quello di Pogba, che secondo i più avrebbe già stretto la mano alla Juventus e per il cui ritorno mancherebbe solamente la formalizzazione del contratto; per l’attacco, invece, sono diversi i profili al vaglio di Cherubini e Arrivabene, ma il calciatore su cui sono più tentati di fiondarsi è il centravanti del Bologna Marco Arnautovic, che però dovranno anche convincere a lasciare il suo posto da titolare e svolgere il ruolo di “vice” con le implicazioni di doversi sedere in panchina per molte partite.