Maccabi-Juventus, Allegri fissa il rientro di Chiesa

0
152

Maccabi-Juventus, la sfida di ritorno è cruciale. Intervenuto in conferenza stampa, ha parlato Allegri alla vigilia del match.

Il ritorno di questa sfida di Champions è fondamentale per i bianconeri. Dopo la sconfitta contro il Milan in campionato, Allegri non può permettersi di sbagliare ancora in Champions. Pertanto i tre punti domani saranno essenziali per credere ancora nella qualificazione agli ottavi. Intervenuto in conferenza stampa, ha parlato Massimiliano Allegri insieme a Rabiot alla vigilia del match: ecco le loro parole.

Allegri

Rabiot:

Ci crediamo nella qualificazione, domani vogliamo vincere.

Problemi in squadra? Parliamo sempre, non è sempre bene quello che stiamo facendo ma siamo compagni di squadra, abbiamo un bel gruppo. Noi lavoriamo bene ma dobbiamo cercare di fare quello che risultiamo negli allenamenti anche in partita.

Io importante per la squadra? Lo siamo tutti (importanti). Ognuno ha un suo ruolo, in questo momento sto bene in campo e mi sento bene fisicamente. Voglio fare le cose al 100% per aiutare il più possibile i miei compagni.

Mia ultima stagione o rinnovo? Veramente non lo so, in questo momento ci sono altre priorità da pensare, io sono concentrato sul campo. Voglio uscire da questo periodo di difficoltà e poi vedremo che succederà.

Mondiale? Io sinceramente non sto pensando al Mondiale perché adesso ci sono tante partite da giocare con la Juventus, dobbiamo cercare di fare bene e poi penso che gli altri avranno la stessa mentalità anche se non è facile non pensarci. Dobbiamo fare bene prima qua alla Juventus e in questo mese poi concentrarci sul mondiale dopo.

Allegri:

Domani sarà partita complicata, già qua sono riusciti a fare molti tiri. In casa hanno fatto una buona sfida con il PSG. L’ambiente è caldo, bisogna stare attenti a non ripetere i soliti errori fatti sino ad ora.

Dobbiamo limare gli errori. A Milano sembrava la partita contro il Benfica. Non dobbiamo più commettere queste imperfezioni.

Maccabi, la loro formazione? Hanno dei buoni tiratori. Dobbiamo giocare una grande partita ma la cosa basilare è l’attenzione che dovremo avere nella fase difensiva.

Uscirne con le buone o con le cattive? È un modo di dire, in questo momento bisogna tirare fuori qualcosa in più. Centimetri, dettagli. Non stravolgiamo il mondo ma bisogna approcciare la gara in modo diverso.

Rapporto con il gruppo? Domani va visto come un’opportunità per alzarci in piedi. Siamo delusi per le ultime performance ma noi dobbiamo lavorare con passione, mettendoci sempre in discussione ma dobbiamo avere voglia di arrivare agli obiettivi.

Gruppo solido? Assolutamente sì

Gruppo con poca personalità? Siamo in un percorso di crescita, non dobbiamo avere alibi. Dobbiamo andare in campo e fare il massimo in tutti i punti di vista. L’esperienza si fa giocando e pagando con certi errori.

Chiesa per il derby? No. È ancora indietro, quindi non ci sarà per queste due partite. Deve riacquistare fiducia nei movimenti di campo. Col Torino non ci sarà.