“Starà fuori”: Juve-Lazio, Allegri annuncia l’assenza di un big

0
98

Juventus-Lazio, le parole di Massimiliano Allegri alla vigilia della delicata sfida di Sarri contro il suo passato.

I due toscani sanno bene dell’importanza della partita in programma domani e chiosante un primo ciclo di impegni destinato a riprendere insolitamente dopo una pausa lunga e potenzialmente ricca di imprevisti legati alla disputazione del Mondiale in Qatar. Plurimi i bianconeri destinati a raggiungere le rispettive Nazionali in Arabia, non prima però di aver onorato fino alla fine un iter in Serie A che, dopo aver toccato tantissimi bassi, sembra adesso destinato a proseguire degnamente.

Game over Juventus: accordo totale, fumata bianca vicinissima
Allegri ©️LaPresse

Questo soprattutto alla luce delle diverse vittorie ottenute su campi non sempre facili nell’ultimo mese e in grado di corroborare morale e fiducia nonché una posizione in classifica figurante molto più triste e complicata fino a non poco fa. Senza snobbare imposizioni anche contro compagini quali Torino, Lecce o Verona, la prima prova di forza è arrivata la scorsa domenica quando, poche ore dopo l’imposizione della Lazio sulla Roma di Mourinho, Fagioli e colleghi garantivano tre punti pesantissimi a Massimiliano Allegri.

Juventus-Lazio, la conferenza stampa di Massimiliano Allegri

Juventus-Lazio, Allegri @Lapresse

Proprio di quest’ultimo riportiamo gli interventi salienti della conferenza stampa odierna, durante la quale il livornese ha presentato come segue i delicati novanta minuti contro Maurizio Sarri, annoverabile tra i tanti protagonisti di una staffetta in panchina caratterizzante la realtà juventina in questi ultimi anni. Ecco le parole di Allegri:

GARA – “Mi aspetto una partita molto difficile, complicata, contro una squadra molto forte che sta facendo buone cose. Poi il calcio è strano, magari dopo 10 punti si sblocca e diventa una partita diversa.”

LOCATELLI – “Domani dovrò vedere se Locatelli e Cuadrado saranno disponibili. Una volta saputo della loro situazione, farò delle scelte.”

DI MARIA – “Non è questione di Mondiale, ma di minutaggio, Domani avrà un po’ di minutaggio: devo decidere se portarlo in panchina o farlo iniziare dall’inizio. Con lui in campo, si innalza il tasso tecnico. Sarà una partita difficile, come la prima di campionato. Bisogna stare attenti, altrimenti diventa una partita pericolosa, che di per sé lo è già per la qualità della Lazio. Vendiamo fa un pilottò importante, bisognerà dare seguito al filotto. In trasferta hanno preso solo un goal.

MONDIALI – “Faccio l’allenatore, quando mi dicono che dobbiamo giocare, giochiamo. Il resto lo decideranno altro.”

VLAHOVIC – “Non sarà convocato, non se la sente, non sta bene. Ha fatto una parte dell’allenamento, ma starà fuori. Chiesa sarà a disposizione. Kean dall’inizio? Domani deciderò”.

GUSTO NEL DIFENDERE – “Bisogna metterci piglio, ma chiaramente andranno migliorate delle cose in fase di non possesso. La cosa importante è aver ritrovato lo spirito di squadra. Domani affrontiamo una squadra difficile.”

IDEALE di SQUADRA – “La mia squadra ideale è quella che vince. L’Hellas è una squadra che corre, ti pressa, i ragazzi sono stati bravi ad interpretarla nel migliore dei modi perché la Lazio palleggia, occupa determinate zone del campo.”

SCUDETTO – “Il Napoli anche oggi ha vinto, potenzialmente può girare a 53 ma nel calcio ciò che vale oggi non vale domani. Pensiamo alla Lazio domani per farci trovare al meglio.”

CONVOCAZIONI MANCINI  – “Mancini fa le convocazioni che ritiene più opportune. Sono soddisfatto perché calciatori del settore giovanile si sono meritati la convocazione.”

PUNTI IN COMUNE CON SARRI – “Sarri è un allenatore importante, l’ultimo che ha vinto lo scudetto con la Juventus, sta facendo cose importanti alla Lazio. Per il resto siamo agli opposti.”

VLAHOVIC – “Il fattore Mondiale non è così. Bisogna essere fatalisti, magari al primo allenamento che si fa in Nazionale ci si ferma. Vlahovic ha fatto una parte di allenamento ieri ed uno oggi. Vlahovic in questo momento non è nelle condizioni fisiche per affrontare una partita.”

MILINKOVIC“Un giocatore della Lazio. Crescita? Bisogna chiedere a Lazio, per dare giudizi definitivi sui calciatori bisogna allenarli”.

DIFFERENZE TRA BONUCCI E BREMER? “Leo ha più piede, Bremer copre più campo”.